#iorestoacasa con Spettakolo

0
#iorestoacasa

In queste giornate così complicate, noi di Spettakolo!, come vi abbiamo raccontatoabbiamo deciso di tenervi compagnia proponendovi ciò che amiamo di più: le canzoni e i film. Un modo per accarezzare e rasserenare cuore e spirito attraverso ciò che ci emoziona.

Quando si racconta di qualcosa che si ama, si regala anche un pezzo di noi a chi ci ascolta o ci legge. E nei momenti più difficili arrivano sempre in nostro soccorso le passioni e la musica. Per questo, non posso che scegliere una canzone ed un film nati dalla vena creativa di un artista che per me ha significa sempre una certezza: Luciano Ligabue, che oggi compie anche gli anni.

La canzone che ho scelto è prettamente collegata al film di cui parleremo e il cui titolo credo che già dica un po’ tutto: Metti in circolo il tuo amore. Uscita nel 1998 e contenuta nella colonna sonora del primo film del cantautore Radiofreccia, questa canzone dolce e amara allo stesso tempo descrive l’inadeguatezza che spesso prende il sopravvento dentro di noi (“e ti senti ad una festa/ per cui non hai l’invito) e che invita a mettere in circolo l’Amore, piuttosto che altre sostanze nocive. Bello ed emotivo il video, di cui Luciano è particolarmente orgoglioso.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Un brano intenso e delicato che Luciano ha definito “una risposta al mettere in circolo di Freccia”, il ragazzo tossicodipendente protagonista di Radiofreccia. Diretto dallo stesso Luciano e ambientato nella sua Correggio, il film si incentra sulla storia di questi 5 ragazzi di provincia: Ivan Benassi detto Freccia (Stefano Accorsi), Bruno Iori (Luciano Federico), Tito (Enrico Salimbeni), Boris (Roberto Zibetti) e Iena ( Alessio Modica). Le loro storie si intrecciano con la nascita, nel 1975, delle prime radio libere. L’amicizia, i primi amori, la passione per la musica di Bruno in particolare e il tunnel della droga in cui cade Freccia scorrono in una concatenazione a volte violenta, a volte dolce, di eventi che coinvolgono chi guarda con natutalezza. Una storia che prende spunto dal primo libro di racconti di Luciano, Fuori e dentro il borgo, e di cui è riuscito a farne un film credibile, a tratti commovente, e che racconta pienamente il suo mondo e ciò che lo circonda: i bar, gli amici, la provincia, la musica. 

Un’opera prima che ha avuto un bel successo di pubblico ma anche di critica, aggiudicandosi 3 David di Donatello (miglior regista esordiente, migliore attore protagonista e miglior sonoro in presa diretta), 2 Nastri d’argento ( Miglior regista esordiente e Miglior canzone originale “Ho perso le parole”), un Globo d’oro come miglior opera prima e 4 Ciack d’oro (Miglior opera prima, miglior attore protagonista, Miglior colonna sonora e Miglior film in videocassetta).

Uno dei momenti più belli e conosciuti è sicuramente il “credo” di Freccia, che di notte e in totale solitudine, esprime tutto ciò che ha dentro in poche, sentite righe:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Il credere di cui parla Freccia  ritorna nel brano principale che fa da colonna sonora al film, Ho perso le parole. Il ritornello, in questo momento, credo sia perfetto: “Credi/ credici un po’metti insieme un cuore/prova a sentire/ e dopo/ credi/credici un po’ di più/di più davvero”. 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Ecco, penso che ciò di cui si abbia bisogno adesso sia prima di ogni cosa credere che tutto migliorerà, avere fiducia nel futuro e in noi stessi, rendere questo tempo prezioso. Anche oggi, in un momento in cui tutto è diverso e la normalità lontana, è fondamentale mettere in circolo il nostro amore. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome