Giuseppe Anastasi, “Berlino” è il nuovo singolo

0

A due anni di distanza dal suo disco d’esordio, il compositore e autore Giuseppe Anastasi torna con nuova musica. Da venerdì 27 marzo, infatti, sarà in radio e disponibile sulle piattaforme streaming e digital download Berlino (Giuro Srl / Believe Digital), brano che anticipa il suo nuovo disco di inediti di prossima uscita. In questo nuovo brano da lui scritto, Giuseppe Anastasi riporta l’ascoltatore indietro nel tempo, nel novembre 1989, durante il giorno in cui a Berlino cadde il Muro che divideva in due la città e il mondo intero. Un uomo, nostalgico idealista di sinistra, vede cadere i suoi ideali insieme al muro, ma allo stesso tempo ritrova dall’altra parte la donna di cui è innamorato e dalla quale per tanto tempo è stato tenuto lontano: in mezzo all’amarezza per i propri ideali rifiorisce l’amore.

«Berlino è una canzone d’amore, con un retrogusto politico — racconta Anastasi —Insieme al muro cadono gli ideali del protagonista, i suoi principi filosofici. Aumenta la paura che l’avere diventi più importante dell’essere, che il consumismo si mangi l’anima delle persone. La consolazione più grande è l’amore, perché aldilà del muro c’è la donna che ha sempre amato».

Giuseppe Anastasi è autore e compositore, è nato a Palermo nel 1976. Durante la sua carriera artistica, ha scritto per Arisa, Noemi, Emma, Anna Tatangelo, Michele Bravi, Tazenda, Mauro Ermanno Giovanardi, Francesco Baccini, Mietta, Alexia. Ha collaborato e collabora con Mogol, Lelio Luttazzi, Mauro Pagani, Cheope, Adriano Pennino, Tony Bungaro, Cesare Chiodo, Mario Lavezzi, Ferdinando Arnò, Maurizio Filardo, Federica Abbate, Amara. Nel 2006 è tra i vincitori di Musicultura e nel 2009 vince il suo primo Sanremo Giovani con la canzone Sincerità, interpretata da Arisa; sempre in quella edizione, la canzone vince anche il Premio della critica Mia Martini e il Premio sala stampa TV e radio.

Nel 2010 partecipa al suo secondo Sanremo con la canzone, interpretata sempre da Arisa, dal titolo Malamorenò, brano anch’esso estratto dall’album omonimo di cui Giuseppe è autore e coautore di tutti i testi. Nel 2012 sale per la terza volta sul palco dell’Ariston con Arisa, in gara con La notte, seconda classificata, vincitrice di 4 dischi di platino e canzone italiana più venduta del 2012, estratta dall’album Amami; Anastasi è autore e coautore di 8 brani, tra i quali L’amore è un’altra cosa e Il tempo che verrà, quest’ultima inserita nel film di Ricky Tognazzi Tutta colpa della musica. Nello stesso anno redigem insieme all’amico e collega Alfredo Rapetti Mogol (Cheope), il manuale Scrivere una canzone, edito dalla Zanichelli, e pubblica il brano Meraviglioso amore mio canzone inserita nel film Pazze di me di Fausto Brizzi e vincitrice di due dischi di platino. Nel 2014, alla quarta partecipazione, vince il suo secondo Sanremo, sempre con Arisa, con la canzone Controvento, premiata col doppio platino. Nel 2016 è la volta di Guardando il cielo, quinta partecipazione al festival dei fiori e disco d’oro. Nel 2017 partecipa per la sesta volta a Sanremo con la canzone Il diario degli errori scritta insieme agli amici e colleghi Cheope e Federica Abbate e portata al successo da Michele Bravi, vincitrice di due dischi di platino. Durante lo stesso anno Giuseppe è autore della canzone Democrazia, inserita nel film L’ora legale di Ficarra e Picone, e della canzone Ho perso il mio amore, scritta con Cheope e Federica Abbate e inserita nel film La verità, vi spiego, sull’amore, e partecipa come autore e produttore tra le Nuove Proposte con il brano Insieme, interpretato da Valeria Farinacci. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo disco di inediti, Canzoni ravvicinate del vecchio tipo, che vince la Targa Tenco come miglior opera prima.

QUESTA è la pagina Facebook ufficiale del cantautore.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Chiara Rita Persico
Classe ’83, nerd orgogliosa e convinta, sono laureata con lode in ingegneria dei sogni rumorosi ed eccessivi, ma con specializzazione in realismologia e contatto col suolo. Scrivo di spettacolo da sempre, in italiano e in inglese, e da sempre cerco di capirne un po’ di più della vita e i suoi arzigogoli guardandola attraverso il prisma delle creazioni artistiche di chi ha uno straordinario talento nel raccontarla con sincerità, poesia e autentica passione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome