#IoRestoACasa e vedo La proprietà non è più un furto

Un apologo sul denaro e sulle disuguaglianze sociali. Su Raiplay

0

Restiamo a casa a vedere i classici di RaiPlay. Il link del film: https://www.raiplay.it/video/2017/11/La-proprieta-non-e-piu-un-furto-f7957fc4-314b-4246-a815-48d0f1c1872a.html

Total (Flavio Bucci), un giovane impiegato di banca convertitosi al marxismo, decide di trasformarsi in un ladro per coerenza con la sua ideologia. Individua in un volgare macellaio romano (Ugo Tognazzi), cliente della sua banca, il rappresentante più tipico dell’egoismo sociale e lo sottopone ad una vera e propria persecuzione. Gli ruba il coltello con cui taglia la carne, il cappello, i gioielli della sua amante Anita (Daria Nicolodi) e poi va a scuola da un ladro di grande esperienza Albertone (Mario Scaccia) per imparare il mestiere. Presto però capisce che la sua azione è velleitaria e inconsistente e la società del denaro è pronto ad integrarlo nuovamente… Scritto da Ugo Pirro, il film di Elio Petri fa parte della trilogia della nevrosi formata da Indagine di un cittadino al di sopra di ogni sospetto e La classe operaia va in paradiso ed è  una riflessione sul disagio di molti intellettuali delusi dalla fine delle illusioni post-sessantottesche. Bravissimo Flavio Bucci (è appena scomparso) che conferisce al suo personaggio un taglio grottesco contrapposto al feroce ghigno di un altrettanto efficace Ugo Tognazzi. Elio Petri, Francesco Rosi, Damiano Damiani, Ettore Scola, Luigi Zampa, Pier Paolo Pasolini e altri, sono gli autori del cinema politico degli anni Settanta che hanno osservato e analizzato la realtà italiana in un periodo di particolare smarrimento politico e sociale.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome