#IoRestoACasa e vedo Il bidone

In occasione del centenario della nascita di Federico Fellini

0

Restiamo a casa a vedere i classici di RaiPlay. Il link del film: https://www.raiplay.it/video/2016/08/Il-bidone-31cc40e4-f5b7-4a6e-afb3-39b99a76d583.html

Augusto (Broderick Crawford), Picasso (Richard Basehart) e Roberto (Franco Fabrizi), sono specializzati in truffe e raggiri ai danni di povera gente della periferia e della campagna romana in un’Italia misera (siamo nel 1955) che aspetta l’arrivo del boom economico e di una vita finalmente migliore. I tre privi di scrupoli morali riescono a imbrogliare dei baraccati in attesa di un alloggio popolare sottraendo loro i pochi risparmi accumulati in cambio di finti contratti di locazione. Il cinico Augusto poi spilla  quattrini anche a una famiglia numerosa di contadini che deve accudire una figlia paralitica. Qualche cosa però smuove l’anziano truffatore a quel punto tentato di restituire la somma ai derubati. Il resto della banda a cui ha fatto credere di non avere più i soldi, non crede però alla sua generosità… Considerato a torto un film minore di Fellini, Il bidone, a suo tempo penalizzato dalla critica e dal pubblico, rappresenta in realtà un passaggio importante della maturità artistica del grande maestro del cinema italiano. Tra le sequenze più belle i bidonisti travestiti da vescovi mentre raggirano una contadina; la vergogna e la disperazione dei truffatori di fronte alla bambina paralitica e il finale tragico e disperato amatissimo dall’allora giovane critico cinematografico François Truffaut ammirato dalla potenza espressiva di Fellini. Il tono della pellicola straziante e poetico sembra ispirato alle Anime morte di Gogol.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome