Hip-Hop e jazz si uniscono in “Border Wall”, il nuovo EP di SWED

0
SWED
Foto di Paolo Cenciarelli

Border Wall è il nuovo EP di SWED. Nasce dopo un anno di lavorazione con l’intento di unire il mondo dell’Hip-Hop e dei campionamenti, con quello degli strumenti suonati tipici dell’universo jazz. Hanno collaborato il produttore rap Rubber Soul e il musicista Benjamin Ventura.

Il cantato di SWED è lontano da qualsiasi paragone con lo scenario contemporaneo, mentre la musica vede integrarsi tromba e flauto con basso e chitarra, cori, linee vocali e beat, che si mescolano in un raffinato gioco di armonie e melodie. La prima parte del disco è quella più variegata: si trovano sonorità che spaziano dal reggae al latin, fino ad arrivare all’R&B e al soul, mentre la seconda parte è incentrata molto di più sull’Hip-Hop contaminato dal jazz. Tutti i testi, cantanti in inglese e in spagnolo, sono uniti da una visione critica verso un mondo musicale di finzione, con pochi contenuti.

SWED

Inaugura il disco la traccia Crimes and Reasons, il cui testo denuncia le guerre mosse dalle multinazionali, che per interessi economici distruggono Paesi e costringono le persone a scappare dalle proprie terre o a combattere per un futuro migliore. L’album prosegue con il clima più sud americano di Musica Basura, dove la musica spazzatura è paragonata al mondo odierno in cui viviamo, dove purtroppo la cultura “usa e getta” comprende anche l’amore. Damn Bro feat. Penny è una canzone sentimentale con sonorità più R&B, dove appare una visione della donna intesa come libertà, come “mezzo” per arrivare a essere liberi.

La seconda parte del progetto inizia con un beat studiato e pensato per uno scenario stile Anni ‘30 con pianoforte per il jazz e la cassa per l’Hip-Hop. Gang Lords feat. Danno è una canzone contro i potenti dell’industria musicale che influenzano il mercato. Proseguendo verso la conclusione con uno spirito più romantico c’è Night And Day. L’album finisce il suo viaggio con Outro, un pezzo sul new jazz Hip-Hop che critica apertamente l’idea d’arte moderna.

SWED ha 30 anni e, dopo una giovanile passione per la musica classico-lirica, crescendo si è appassionato a jazz e blues, per poi scoprire l’Hip-Hop ed in particolare l’old school americana. Nel suo percorso fondamentale è stato l’incontro con l’MC Penny, che lo ha fatto esordire nel disco From da Cabala, per poi introdurlo nel collettivo Do Your Thang. Da pochi giorni ha pubblicato l’EP Border Wall, anticipato dal singolo Night And Day.

Il video di Gang Lords, con Danno:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome