#iorestoacasa con Spettakolo

0
@jhonninaphoto - Renata Roattino

Nuovo giorno di quarantena, nuovi consigli della redazione di Spettakolo! per tenervi compagnia con un po’ di buona musica e un bel film.

Mai come oggi, è stato facile scegliere la canzone da condividere con voi, vista anche la ricorrenza. Approfittando dell’occasione per fare gli auguri di buon compleanno a Fabrizio Moro, che compie oggi 45 anni, il mio consiglio è di ascoltare Per me singolo estratto dall’ultimo album del cantautore romano.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

L’album intero è fortemente autobiografico, a partire dal titolo (Figli di nessuno) ma questa canzone in particolare è probabilmente la più forte emotivamente. Dentro questo testo c’è Fabrizio: la voglia di riscatto che in oltre vent’anni di carriera non l’ha mai abbandonato, nonostante le porte in faccia e tutte le cadute, la speranza che da sempre caratterizzano i testi di Moro, a dispetto di tutti quelli che lo definiscono “perennemente incazzato”. E la speranza è qualcosa che in questo momento ci serve come il pane.

Per quello che riguarda il film, ammetto che ero tentata di scegliere Rocky, perché è il film preferito del festeggiato di oggi, ma sarebbe stato banale. Quindi ho scelto la storia di un altro “figlio di nessuno”. Anzi, di una figlia. Ho scelto Veloce come il vento, film di Matteo Rovere del 2016 con Stefano Accorsi e Matilda De Angelis.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Se Accorsi è una certezza (ma riesce a stupire anche nei panni di Loris De Martino), l’interpretazione di Matilda De Angelis è stata una piacevole sorpresa: vedere sullo schermo una ragazza combattere ad armi pari in un mondo competitivo e quasi esclusivamente maschile come quello dei motori è stato decisamente entusiasmante, ma soprattutto mi è piaciuto come un’attrice così giovane sia riuscita a calarsi nel personaggio e a restituire le emozioni in maniera tanto limpida.

Un film che riesce a conciliare alla perfezione azione e sentimenti: la storia è quella di una riconciliazione familiare, dopo un lutto grave che investe la famiglia  De Martino, nonostante tutte le difficoltà, nonostante i problemi legati alla tossicodipendenza di Loris, ma anche la storia di un campionato Gran Turismo che una ragazza deve vincere a tutti costi, battendo la spietata concorrenza tutta maschile. Semplicemente fantastico.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome