Il 25 aprile di Ermal Meta e il ricordo dei partigiani albanesi

0
RENATA ROATTINO @jhonninaphoto

In una breve diretta nella serata del 25 aprile, Ermal Meta ha scelto di condividere con i suoi fan un pezzo chitarra e voce sul tema della libertà. Ispirandosi a un canto dei partigiani albanesi, Ermal ha scritto alcuni versi in italiano che parlassero proprio di questa condizione, spesso data per scontata, unendo così due canti tradizionali delle due terre che ha nel cuore.

Ognuno sa cosa è la libertà per se stesso. Ma tutti dovremmo sapere quanti hanno dato la vita perché noi potessimo avere questo pensiero, perché potessimo avere la libertà di essere liberi. Questa è la lettera di un soldato a sua moglie. Una parte è in albanese. Quella parte era il canto dei partigiani albanesi, di coloro che partivano, di coloro che tornavano e cantavano anche per coloro che non tornavano più” ha scritto.

https://www.facebook.com/ermalmetainfo/videos/543877879839813/

Il testo

Amore mio, la mano che ti scrive forse trema un po’
E forse sto tremando anch’io ma non è paura, no
Ho voglia di vedere il sole sul tuo viso
E i nostri figli a far la gara a chi cresce per primo
Come sta il piccolo?
Domani sì, io tornerò
Solo con un fiore nelle mani partirò
E queste notti piene di stelle quaggiù
Non passano mai, sono così lunghe

Spero che mi aspetterai

Amore mio, la mano che ti scrive adesso non è cambiata, sai
È piena di carezze e vita, quella che vorrei per noi
La polvere da sparo è come nebbia, ma non per me
Per me che non ho mai saputo che cosa scegliere
Se non te

Domani sì, io tornerò
Solo con un fiore nelle mani partirò
E queste notti piene di stelle quaggiù
Non passano mai, sono così lunghe

Spero che mi aspetterai

Partizani në luftë po shkonte
Ka marrë pushken me një dorë
Partizani në luftë po shkonte
Ka marrë pushken me një dorë
Domani sì, io tornerò
Con lo stesso fiore nelle mani ti troverò
E in queste notti piene di stelle così lunghe guarderò insieme a te
E di tremare smetterò
Insieme a te, io di tremare smetterò
Partizani në luftë po shkonte
Ka marrë pushken me një dorë
Partizani në luftë po shkonte
Ka marrë pushken me një dorë
Stelle delle notti lunghe io domani tornerò
Se vi guardo col mio amore di tremare smetterò
Di tremare smetterò

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Tanti interessi, tutti diversi, ma che in comune hanno una cosa: scrivere. Non fa altro da quando ha imparato e sogna che questo diventi il suo mestiere. Cittadina del mondo con la Puglia nel cuore e uno zaino sempre pronto per nuove esperienze. Tra le più giovani collaboratrici del sito, non le manca il carattere per difendere le sue idee.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome