#IoRestoACasa e vedo Papillon

Da un romanzo di Henri Charrière

0

Restiamo a casa a vedere i classici di RaiPlay. Il link del film:

https://www.raiplay.it/programmi/papillon

Un forzato venticinquenne, Henri Charrière (Steve McQueen) detto Papillon a causa di una farfalla tatuata sul torace, viene imbarcato per la colonia penale della Caienna nella Guyana francese, dove dovrà scontare l’ergastolo per un omicidio di cui si dichiara innocente. La vita in quel posto maledetto è per i detenuti una vera tortura per via della feroce disciplina imposta loro dalle guardie carcerarie. Papillon fa amicizia con il falsario Louise Dega (Dustin Hoffman), ma irrequieto e ribelle tenterà più volte la fuga tra le paludi anche in condizioni impossibili. Diretto da Fraklin J. Schaffner con un budget di 13 milioni di dollari, il film girato nel 1973 ispirandosi al classico cinema francese populista degli anni Trenta (Il bandito della Casbah con il giovane Jean Gabin), ottiene un grande successo in tutto il mondo, ma la lavorazione sarà all’insegna di una competitività tra le due star protagoniste. McQueen ogni giorno dopo aver finito di girare abbandona il set per la sua roulotte irritato dal noto perfezionismo di Hoffman che lo porta davanti alla macchina da presa truccato con con denti finti ingialliti e un paio di occhiali dalle lenti balbettando le sue battute studiate con grande cura. Entrambi si esibiranno per anni in reciproche parodie feroci: Steve imitando il tipico farfugliare di Hoffman e Dustin prendendo in giro le paure e le insicurezza di McQueen. Le due star continueranno a non rivolgersi più la parola. Il romanzo autobiografico di Charrière uscito nel 1969 ha venduto 10 milioni di copie in tutto il mondo, ma diversi critici hanno sempre nutrito seri dubbi sull’autenticità delle crudeltà raccontate dallo scrittore.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome