Ligabue, il 25 aprile e il nonno partigiano

0

Vi abbiamo raccontato che Ligabue è uno dei 1.300 artisti che ha deciso di aderire a #iosonolibero, l’iniziativa benefica in programma oggi, 25 aprile, a supporto della Croce Rossa e Caritas.

Era facile aspettarsi da Luciano un brano voce e chitarra, magari “I campi in aprile” o una più classica “Buonanotte all’Italia”, invece ha stupito tutti, sparigliando completamente le carte e andando sul personale, davvero sul personale. Il suo 25 aprile è un 25 aprile molto intenso e mette al centro il racconto di suo nonno partigiano. Marcello Ligabue è stato uno dei tanti combattenti della libertà, una di quelle persone a cui, si dice, non si poteva mai togliere la bandiera dalle mani.

Ecco questo personalissimo (e toccante) racconto:

Ligabue – 25 aprile 2020 #iorestolibero

Quest'anno sono 75 anni da quella data e a maggior ragione dobbiamo festeggiarla ancora di piùPer donazioni: https://www.25aprile2020.it #25aprile2020 #iorestolibero 25 aprile 2020 – Io Resto Libero#EQuestoÈilFiore

Pubblicato da Ligabue su Sabato 25 aprile 2020

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome