È morto Albert One, star della disco music

0
Albert One

Il suo vero nome, Alberto Carpani, lo conoscevano in pochi. Per tutti era Albert One, Dj, produttore, cantante molto noto anche all’estero. È stato uno dei nomi di punta della disco italiana, artefice di un gran numero di successi “dance” che hanno scalato non solo le nostre classifiche, ma anche quelle internazionali.

Chiunque lo abbia conosciuto, sa perché scelse quel nome d’arte: lo scelse per quella sua stazza notevole, che non lo faceva passare inosservato. Così come non passava inosservata la sua straordinaria simpatia.

Il primo successo lo ottenne nel 1982, quando aveva 26 anni, cantando un pezzo dance scritto da Enrico Ruggeri, Yes-no family. All’epoca in campo dance si usavano nomi d’arte che erano autentici giochi di parole: lui scelse Jock Hattle.

Ma un vero e proprio exploit lo avebbe fatto l’anno successivo, quando pubblicò Turbo Diesel,  stavolta inciso come Albert One, che divenne una hit mondiale. Seguirono altri singoli molto fortunati come Heart on Fire, Lady O, Secrets, For Your Love, Hopes & Dreams, Everybody, Visions, and Loverboy. In quegli anni Albert One iniziò pure una proficua attività di produttore discografico, lavorando anche al fianco di Lorella Cuccarini, Heather Parisi e Raffaella Carrà.

Qualche giorno fa era stato ricoverato alla clinica Maugeri di Pavia per le conseguenze di una polmonite. Pareva aver superato la fase critica della malattia, infatti sul suo profilo Facebook ha pubblicato foto in cui lo si vedeva fare il segno della vittoria assieme ai membri dello staff sanitario che lo aveva in cura. Invece non ce l’ha fatta, e stamattina ci ha lasciato. Aveva compiuto 64 anni lo scorso 23 aprile.

Ciao Albertone, le nostre serate in giro a far casino saranno sempre un bel ricordo!

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome