Fulminacci racconta “La vita veramente”

0
Fulminacci

Fulminacci è lo pseudonimo di Filippo Uttinacci, cantautore romano nato nel 1997. Il suo nome, pur essendo quello di un esordiente, non è nuovo per molti: lo scorso anno infatti, dopo l’uscita del primo album di inediti, il 9 aprile 2019, ha calcato anche il prestigioso palco del concertone del Primo Maggio. E si è dedicato  a un lungo tour nei club di tutta Italia.

Un artista giovanissimo, talentuoso e poliedrico che ha all’attivo un solo album registrato in studio, ma che in compenso si è già fatto riconoscere nel panorama artistico indie grazie a diversi e importanti premi.

Suo è stato infatti nel 2019 il premio MEI come miglior giovane dell’anno e il disco d’esordio La vita veramente è stato riconosciuto come miglior opera prima dalla Targa Tenco del 2019 e dal forum del giornalismo musicale nel gennaio 2020.

Quella di Fulminacci non è una scrittura che passa inosservata. Lo snocciolarsi di note e parole cambia da un brano all’altro: a volte appare lento e malinconico, altre volte invece si affretta e lascia trasparire quella fame impellente tipica di chi ha bisogno di dire la sua sul mondo, sul tempo, sull’esistenza, sull’oggi e sul domani. Lo stile di questo giovane cantautore, sarà anche a causa delle comuni origini capitoline, ricorda a tratti  quello del Daniele Silvestri degli inizi, ma si mescola spesso e volentieri anche alle influenze indie e alle sfumature di un moderno cantautorato-pop italiano.

La vita veramente, prodotto da Federico Nardelli e Giordano Colombo per l’etichetta Maciste Dischi, è un album pieno di incontri e contaminazioni, un mix di suoni e generi. Una raccolta di piccole storie multiformi, raccontate con apparente leggerezza, che trovano il punto d’incontro proprio nella penna sottile e perspicace di Fulminacci. C’è un po’ di tutto, come, in fondo, c’è un po’ di tutto nella vita vera: le ballate romantiche, la critica sociale, i brani da canticchiare senza impegno e le dolci dediche a Roma, la sua città.

Alcuni brani restano impressi già dal primo ascolto. Ad esempio un’autobiografia sagace e un ritratto per nulla politically correct della società contemporanea. piena di contraddizioni e incongruenze, sono tracciati in Borghese in borghese. Al giusto momento sembra invece essere un flusso di coscienza in cui appare anche un Fulminacci romantico e, perché no, un po’ “ragazzino”.

In Una sera sembra affacciarsi, tra un verso e l’altro, Roma davanti ai nostri occhi, per colorarsi dell’arancio dei suoi tramonti più belli. E la Capitale spunta anche tra le righe di San Giovanni, ultimo singolo estratto dal disco e presente solo nella versione vinile dell’album, uscita nel dicembre del 2019.

Che dire? Se questo giovane cantautore manterrà il livello del suo primo disco, le premesse per avere davanti un artista che sfornerà un successo dopo l’altro, ci sono  tutte.

La vita veramente – Tracklist:

  1. Davanti a te
  2. La vita veramente
  3. Tommaso
  4. Borghese in borghese
  5. Resistenza
  6. I nostri corpi
  7. Al giusto momento
  8. La soglia dell’attenzione
  9. Una sera

Bonus track (vinile): San Giovanni

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome