#IoRestoACasa e vedo Otto e mezzo

Considerato il film più suggestivo del grande regista riminese

0
Otto e mezzo

Restiamo a casa a vedere il capolavoro di Federico Fellini su Rai Movie mercoledì 27 maggio 2020 ore 21.10

Guido Anselmi (Marcello Mastroianni) è un noto regista quarantenne impegnato nella preparazione del suo prossimo film di cui ha già fatto costruire scenografie molto costose, su un soggetto superficiale e in parte inconsistente (un uomo alla ricerca della donna ideale che in realtà non lo vuole). Tormentato dai dubbi, continua a rinviare l’inizio delle riprese. Per ritrovare la pace e la tranquillità smarrite decide di trascorrere una vacanza in una stazione termale. Durante il soggiorno però fantasia e realtà affollano la sua mente e la sua immaginazione lo porta a vedere Luisa, la moglie (Anouk Aimée), l’amante Carla (Sandra Milo), l’attrice Claudia (Claudia Cardinale) che rappresenta la purezza sentimentale. Perseguitato dai suoi collaboratori Guido è assalito dai ricordi della sua infanzia (il collegio e i suoi genitori) e da fantasie sessuali. Tutto questo appare anche nelle prime sequenze girate della sua pellicola. Quando ormai il progetto cinematografico sembra svanire, un gruppo di clown trascina l’intero cast del film al suono di una musica circense. Otto e mezzo, autoconfessione sincera e coraggiosa di Federico Fellini, è un’opera totalmente diversa e lontana dai tradizionali schemi narrativi incentrata sullo smarrimento di un artista alla ricerca dell’ispirazione. Straordinaria la fotografia di Gianni Di Venanzo, i costumi e le scenografie di Piero Gherardi, le musiche di Nino Rota di questo capolavoro amato da Ingmar Bergman, da Martin Scorsese e selezionato tra i 100 film italiani da salvare. Fellini conduce lo spettatore nel magico mondo del cinema e ci mostra la nascita di un film attraverso una galleria di personaggi memorabili (l’intellettuale da strapazzo, le attricette a caccia di una scrittura, il “grande” produttore). Otto e mezzo premiato al festival di Mosca, vince nel 1963 l’Oscar per il miglior film straniero e quello per i migliori costumi.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome