“The Lord of the Rings”, Josh Gad riunisce il cast

0
The Lord of the Rings

Quante volte, in questi giorni di surreali sospensioni e ripartenze, ci siamo detti, un po’ per incoraggiarci, un po’ perché davvero convinti, che, se non altro, l’orologio fermo su un oggi sempre uguale ci ha dato modo  di riaffacciarci senza frenesia sul nostro ieri cercando in un ricordo di piacevolezza germi di un futuro da costruire a passo lento? Bene, proprio nel nome di tale speranza l’attore americano Josh Gad ha deciso di organizzare diversi viaggi nel tempo convocando, per un abbraccio a distanza (e con finalità benefiche), gli amati protagonisti di alcuni tra i titoli cult degli anni scorsi: tra essi, gli interpreti di The Goonies, di Ritorno al Futuro e di Splash. Ma all’orizzonte si affaccia una reunion ancor più attesa, perché riguarderà le stelle di quella che è forse la saga più universalmente apprezzata nell’era contemporanea della Settima Arte: The Lord of the Rings.

Come infatti riportato dal sito di settore americano JoBlo, questa domenica 31 maggio Gad darà modo all’intero cast di ritrovarsi allo stesso tavolo virtuale per smussare gli angoli di un ostico presente rievocando un passato fuor di dubbio indimenticabile. La trilogia di The Lord of the Rings — lo ricordiamo per quanti, ahiloro, non dovessero con essa aver familiarità —, ispirata ai romanzi dello scrittore e poeta J.R.R. Tolkien e costituita da The Felloship of the Ring (2001), The Two Towers (2002) e The Return of The King (2003), è stata girata integralmente in Nuova Zelanda tra l’ottobre del 1999 e il dicembre del 2000 (con shooting aggiuntivi tra il 2001 e il 2004), uno sforzo artistico e produttivo incomparabile se si tengono in conto tanto i molteplici incidenti di percorso (dalla allergia alle protesi del volto che ha costretto più volte John Rhys-Davies, l’interprete di Gimli, a ricorrere a cure ospedaliere, alle terribili condizioni meteorologiche che hanno reso le riprese della meravigliosa battaglia al Fosso di Helm, durate tre mesi, una vera e propria impresa, con tanto di magliette “I survived Helm’s Deep” indossate da tutta la troupe), quanto la meticolosità nella ricostruzione dell’universo fantastico creato dal suo autore, riprodotto con una straordinaria cura artigianale fin nel più apparentemente trascurabile dei dettagli. Il risultato è, senza tema di smentita, un capolavoro d’equilibrio tra tecnologia, qualità narrativa e tessitura emozionale, che si intrecciano senza sbilanciamenti a creare un mondo altro plausibilmente implausibile nel quale le avite metafore di mostri e incubi che vanno a incarnare la concretizzazione dei nostri timori e delle nostre incertezze prendono una forma mai così realistica, tanto più spaventosa e insieme suggestiva perché umana nei suoi chiaroscuri anche quando non antropomorfa.

La trilogia ha portato a casa un totale di quasi tre miliardi di dollari di incassi, conquistando 30 nomination agli Oscar e 17 statuette, e qualificandosi così a pieno titolo per una stabile posizione della Top 100 dei film più belli della storia del cinema. La imperdibile reunion della motley crew di The Lord of the Rings andrà in scena, dunque, dopodomani alle 18 (ora italiana) sul canale YouTube ufficiale di Josh Gad. Questa è l’invitante anticipazione:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Che dire: se ascoltando la voce del titanico Ian McKellen che rispolvera, dopo vent’anni, una delle iconiche battute del suo Gandalf, proprio non riuscite a non avvertire un brivido di nostalgica gioia percorrervi la schiena, non esitate a collegarvi!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome