Francesco Guccini è l’artista del mese di giugno su Spettakolo

0
Francesco Guccini

Un giradischi e le parole de La locomotiva cantate a memoria da mio padre. Per me, Francesco Guccini è soprattutto questo. Il cantautore che ho conosciuto da bambina, insieme agli altri colossi di quella generazione memorabile come De André De Gregori. Guccini, poeta burbero, dalla battuta sempre puntuale, i testi spesso arrabbiati.

Francesco Guccini è nato a Modena il 14 giugno 1940. Ottant’anni di coerenza, fedeltà al suo credo e alla sua arte smisurata che ha regalato non solo alla musica, ma anche alla letteratura e ogni tanto al cinema. Pàvana, paesino dell’appennino tosco-emiliano che aveva dato i natali al padre Ferruccio, ha segnato l’infanzia di Francesco, che spesso ha ricordato i periodi felici trascorsi sull’Appennino, dove è ritornato ormai da diversi anni e che reputa la sua isola felice.

Da giovane cronista alla Gazzetta di Modena, grazie a un’intervista a Domenico Modugno, capisce in modo chiaro ed inequivocabile che la sua strada era la musica. Nella sua lunghissima carriera, iniziata negli anni ’60, ha toccato in ogni sua canzone i temi più disparati, con un’abilità di cambio registro inimitabile. Guccini sa parlare al popolo come al letterato, e i giochi di parole all’interno delle sue canzoni hanno fatto storia. Sono alquanto note le sue “simpatie” politiche, decisamente a sinistra, così come sono note le sua antipatie, che non ha smesso di sottolineare anche nelle ultime settimane (esilarante quanto chiacchierata la rivisitazione in chiave moderna di Bella ciao).

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Spesso le sue prese di posizione in tal senso sono state criticate dalla stampa, e nella celeberrima L’avvelenata ne parla con toni decisi e squisitamente arrabbiati.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Nel mese del suo ottantesimo compleanno, parleremo della sua arte attraverso racconti e aneddoti per ripercorrere una carriera straordinaria.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome