#IoRestoACasa e vedo I vitelloni

Un ritratto della vita di provincia tra indolenza e frustrazioni che farà epoca

0
I vitelloni

Restiamo a casa a vedere il film di Federico Fellini su Rai movie mercoledì 3 giugno 2020 ore 21.10

Alberto (Alberto Sordi), un immaturo mantenuto dalla sorella che parla sempre di  trasferirsi nella grande città; Leopoldo (Leopoldo Trieste), un aspirante scrittore convinto di avere un talento corteggiato da un attore omosessuale; Fausto (Franco Fabrizi), un giovanotto vanesio e seduttore costretto a sposare una ragazza da lui tradita regolarmente; Riccardo (Riccardo Fellini, il fratello del regista), l’autista con la voce da cantante che con l’automobile del padre scorrazza gli amici verso improbabili avventure e Moraldo (Franco Interlenghi), intelligente, generoso, maturo e responsabile, sono cinque amici in una Rimini invernale ogni giorno impegnati nel combattere la noia e l’alienazione della loro vita di provincia tra scherzi goliardici, passeggiate sulla spiaggia deserta,  serate al cinema e al biliardo. Alla fine sarà solo Moraldo a trovare la forza morale di prendere il treno per Roma deciso a intraprendere la strada della sua maturazione di uomo. Venti anni prima di Amarcord, Fellini ci regala un film molto autobiografico, vincitore del Leone d’Argento alla Mostra di Venezia. Alberto Sordi, sorprendendo tutti, in particolare i produttori della pellicola che lo hanno ritenuto poco adatto al grande schermo dopo gli insuccessi di Lo sceicco bianco e Mamma mia, che impressione!, si aggiudica invece il Nastro d’Argento come migliore attore non protagonista. Il successo de I vitelloni in Italia e all’estero apre le porte del cinema internazionale al regista riminese e ai suoi film capaci di interpretare il mutamento sociale del nostro paese degli anni Cinquanta caratterizzato da una forte crescita economica e tecnologica. La sequenza più famosa del film entrata nella storia del cinema italiano è senza dubbio quella di Sordi in auto con i suoi amici, mentre sfotte incautamente alcuni operai che faticano sotto il sole per riparare il manto stradale. “Lavoratori? Lavoratori della mazza?” urla Alberto facendo il gesto dell’ombrello. L’automobile però all’improvviso si ferma per un guasto e i quattro amici sono costretti a fuggire inseguiti dagli inferociti operai. Per merito di Fellini l’espressione i “vitelloni” starà ad indicare la gioventù di provincia senza aspirazioni, come sette anni dopo il termine “dolce vita” farà riferimento a Roma, la capitale di un’epoca di divertimento e di felicità.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome