I “Frammenti” di Benedetta Raina, fotografie di vita di una giovane del 2020

0
Benedetta Raina

Ha appena 19 anni Benedetta Raina, cantautrice di Alessandria che da poco ha pubblicato Frammenti, il suo primo EP. Le canzoni sono cinque ed assomigliano a piccole fotografie di vita di una ragazza dei nostri tempi. Dopo i due singoli pubblicati lo scorso anno, Benedetta ha deciso nel 2020, ad un passo dalla maturità, di compiere un nuovo passo nel suo percorso artistico. L’abbiamo intervistata.

Come singolo per lanciare il tuo nuovo EP hai scelto Stata mai, una canzone che parla della fine di un’amicizia. Perché questa scelta e quanto c’è di autobiografico in questa canzone?
“Stata mai” è assolutamente autobiografica, mi è capitato più d’una volta di essere delusa in amicizia, questo mi ha portato a non fidarmi più delle persone, quindi condivido molto poco. Per me amicizia è complicità, più che altro, quando le parole diventano superflue e ci si capisce con uno sguardo.

Musicalmente il tuo EP sembra inserirsi nel filone dell’indie-pop italiano, con parecchie influenze elettroniche. È questa la musica che ti piace?
Amo la musica elettronica, e il fatto che il mio primo progetto contenga questa influenza mi fa molto piacere. Per quanto riguarda i miei ascolti ad essere sincera mastico un po’ di tutto, mi piace veramente ogni genere.

Rispetto a Basta e Davvero, i due singoli che hai inciso lo scorso anno, credi che Frammenti rappresenti un’evoluzione nella tua musica?
I lavori inediti di “Frammenti” sono qualcosa di molto più sincero per me, rappresentano un modo di scrivere molto più trasparente e cristallino. Spero ci si possa ritrovare qualcuno.

Come ti sei avvicinata alla musica, quando è nata questa tua passione?
Amo la musica fin da piccola, è sempre stata la mia cosa preferita. Sono cresciuta con le grandi hit americane del pop dei primi anni 2000 e le canzoni di Disney Channel. Così ho scoperto la musica da sola e così me ne sono innamorata. A 14 anni poi ho imparato a suonare la tastiera ed è stato un punto di svolta in cui è cambiato tutto.

Chi sono, se ne hai, i tuoi riferimenti in campo musicale?
Nirvana e Radiohead
sono grandi band del passato a cui mi ispiro molto, mentre nella scena alternativa contemporanea adoro i Twenty One Pilots e Billie Eilish. Nel panorama italiano ascolto spesso i Tauro Boys, Tutti Fenomeni e Sxrrxwland.

Parteciperesti a un talent show?
I talent show sono un validissimo trampolino di lancio ancora oggi, ma personalmente preferisco la strada da indipendente.

Cosa fai nella vita, a parte ovviamente scrivere e cantare?
Ancora per poco sarò una studentessa del liceo artistico, mi sto diplomando. Per il resto e anche nel mio futuro la musica è davvero tutta la mia vita.

Ti vedi su un palco a cantare le tue canzoni, quando si potrà tornare a fare concerti?
Certamente, è tutto ciò che aspetto. Il contatto fisico nel momento in cui si canta o si ascolta musica dal vivo è qualcosa che mi manca come l’aria, non vedo l’ora di poter portare “Frammenti” in giro per i palchi italiani.

Il video di Stata mai:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome