Stadio: concerto speciale per riaccendere Bologna

0
Stadio

La musica, in un momento di grande difficoltà come quello di questi mesi, sta dimostrando di voler far sentire la propria voce, nel modo più congeniale possibile agli artisti: suonare. Non manca all’appello neanche una grande band emiliana, gli Stadio, che hanno deciso di mettere la propria arte e notorietà al servizio della loro splendida città, Bologna, e non solo.

Il prossimo 27 giugno, infatti,  presso la terrazza del Padiglione 23 del Policlinico Sant’Orsola si terrà uno speciale concerto per riaccendere la città di Bologna. Un omaggio che gli artisti vogliono fare al sacrificio e all’abnegazione del personale sanitario cittadino che ha reso possibile la ripartenza.

È un legame storico, solido e sincero quello che unisce gli Stadio e il personale sanitario del Policlinico Sant’Orsola di Bologna. Un legame che si è consolidato ancor di più durante lo scoppio della pandemia da Covid-19 e che è sfociato nel videoclip Voi come noi (di prossima pubblicazione sui canali ufficiali della band) realizzato insieme ad alcuni medici e infermieri del Policlinico sulle note di Generazione di fenomeni.

Da questo piccolo e semplice omaggio della band nei confronti di chi si è sacrificato e ancora si sacrifica in prima linea contro un nemico invisibile, e da un’idea di Laura Cordischi (Management Stadio) e Tania Truppo (Responsabile filiale Doc Servizi Bologna), nasce l’evento di sabato 27 giugno che si terrà sulla terrazza del Padiglione 23 del Policlinico felsineo: uno speciale concerto degli Stadio insieme ad alcuni importanti ospiti — trasmesso in diretta streaming sui canali social della band — per riaccendere la città di Bologna e lanciare, attraverso la Fondazione Policlinico Sant’Orsola, una raccolta fondi in favore del personale sanitario dell’ospedale bolognese e per l’acquisto di DPI per due ospedali siciliani: l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania e l’Ospedale Umberto I di Siracusa. Un modo per gridare con forza ancora grazie a chi, di fatto, ha reso possibile la ripartenza della città di Bologna e per unire in un abbraccio virtuale gli operatori sanitari italiani da Nord a Sud.

«”Voi come Noi” sarà la nostra festa del Ringraziamento — spiega Gaetano CurreriNon ci sarà il tacchino, ma attraverso la nostra musica esprimeremo gratitudine e vicinanza nei confronti dei medici, degli infermieri e di tutto il personale sanitario che si è battuto in trincea per difenderci da questa terribile pandemia». 

Per le donazioni a favore della Fondazione Policlinico Sant’Orsola è possibile fare un bonifico al loro Iban ( Causale: “Voi come Noi”
IT72I0847236760000000101617)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome