Per la candidata leghista in Toscana “Imagine” è un inno comunista

0
Imagine

D’accordo, non è una novità che pur di accaparrarsi qualche voto i politici siano disposti a dire le peggiori panzane, spesso riscrivendo la storia a piacere. Ora l’europarlamentare leghista Susanna Ceccardi, candidata del centrodestra alle elezioni regionali in Toscana, distorce pure il significato di una delle canzoni più belle di sempre, Imagine di John Lennon, autentico inno alla pace e alla fratellanza universale, raffigurazione di un mondo ideale dove regnano amore, pace e uguaglianza.

Ieri sera invece a In Onda, su La7, Ceccardi, sollecitata dai conduttori Luca Telese e David Parenzo, è tornata su una vecchia dichiarazione raccontando: «Nel periodo in cui ero all’opposizione, il sindaco del mio Comune invitò a cantare Imagine e non gli inni di Natale. Lo stesso John Lennon disse che era una canzone di ispirazione marxista e le parole lo sono».

Non contenta, ha aggiunto: «“Immagina un mondo senza religione, senza confini, senza proprietà privata…”. Qualcuno quel mondo non l’ha immaginato, l’ha realizzato. Sotto l’Unione Sovietica, senza religione e senza proprietà che era un delitto. È poesia, si sa che i poeti hanno anche visioni differenti. Il mio era un discorso letterario…».

Signora Ceccardi, mi permetta un umile consiglio: i suoi deliri li riservi alle piazze, e non strumentalizzi questo capolavoro di John Lennon. Il quale, se fosse ancora tra noi, sicuramente la fulminerebbe con uno dei suoi aforismi. Per esempio: «Non abbiamo bisogno di leader, ma di esempi». Oppure: «Preferisco le idee agli ideali». E lei, almeno in questo campo, sembra avere idee piuttosto confuse.

Clicca qui per vedere la parte di In Onda in cui si parla di Imagine.

Ed ecco il testo del famoso “inno marxista”:

Immagina non ci sia il paradiso
è facile se ci provi
Nessun inferno sotto di noi
Sopra di noi solo il cielo
Immagina che la gente
viva per il presente… 

Immagina non ci siano paesi
non è difficile da fare
Niente per cui uccidere o morire
e nessuna religione
Immagina che la gente
viva la vita in pace.. 

Puoi dire che sono un sognatore
ma non sono il solo
Spero che ti unirai anche tu un giorno
e che il mondo diventi uno… 

Immagina un mondo senza possessi
mi chiedo se ci riesci
senza necessità di avidità o fame
Una fratellanza di uomini
Immagina la gente
condividere il mondo intero…

Puoi darmi del sognatore,
ma non sono il solo.
Spero che un giorno ti unirai a noi
e il mondo vivrà unito.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino) e "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi". Ultimo libro uscito: "Massimo Riva vive!", scritto con Claudia Riva.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome