Bombshell – La voce dello scandalo

Prima di Weinstein e del #metoo: il caso Ailes, prestazioni sessuali per far carriera nel network Fox

0

Bombshell- La voce dello scandalo
di Jay Roach
con Nicole Kidman, Charlize Theron, Margot Robbie, John Lithgow

Qui si fanno nomi e cognomi. Prima dello scandalo Weinstein e del #metoo ci fu lo scandalo Ailes. Megyn Kelly, conduttrice della Fox, nei dibattiti per le primarie riporta che Ivana Trump si sentiva stuprata dal marito durante i rapporti sessuali. L’avvocato di Trump ribatte che nel matrimonio non c’è stupro. Il presidente della Fox, Roger Ailes, l’uomo che aveva inventato i dibattiti ai tempi di Nixon, “promuove” la giornalista ai programmi del pomeriggio. Cioè la toglie di torno. Poi viene denunciato per molestie sessuali dalla presentatrice Gretchen Carlson e si scopre che il metodo di assunzione di Ailes era basato sulla lealtà: la giornalista leale deve avere un bell’aspetto (perché la tv via cavo è un media visivo) mostrare le gambe e inginocchiarsi al sesso del capo. Ovvio, non è richiesto esplicitamente. Dopo che la Carlson apre le ostilità il film segue le decisioni della Kelly (che è il volto più noto del network) e della neo assunta Kayla Pospisil. Jay Roach, il regista di Ti presento i miei e Austin Powers ma anche di Game Change sulla senatrice Sarah Palin, su sceneggiatura di Charles Randolph (La grande scommessa), confeziona un film di denuncia alla nuova maniera americana, di quelli in cui si spiega che tutto è vero a parte alcune zone ricostruite per fluidificare la narrazione (il personaggio della Pospisil), dove regnano i dialoghi e dove grandi attori si fanno cambiare i connotati con il trucco prostetico per diventare identici ai personaggi che interpretano. Quasi irriconoscibili Charlize Theron, Nicole Kidman e Margot Robbie e soprattutto John Lithgow. Dietro Rupert Murdoch è nascosto Malcom McDowell. Il futuro  presidente Trump alle domande scomode della giornalista ribatte che “il sangue le usciva dagli occhi e anche dalla…” (per dire che aveva una sindrome premestruale). Un signore.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome