Gli infedeli

Film a episodi sui maschi traditori. In parte remake di omonimo film francese. Su Netflix

0

Gli infedeli
di Stefano Mordini
con Valerio Mastandrea, Riccardo Scamarcio, Laura Chiatti, Valentina Cervi, Massimiliano Gallo, Marina Foïs

Su NetFlix

Film a  episodi: una moglie ossessionata dai tradimenti del marito mentre stanno per partire per le Maldive, una moglie che viene fatta passare per matta dal marito traditore, una coppia che si rivela i tradimenti reciproci, un venditore che durante una convention vuole a tutti i costi andare a letto con qualcuno, un marito che invece di andare alla partita va in un privé e infila il pisello in buchi per rapporti alla cieca, tre uomini a cena a valutare con quante donne possono tradire. In un paio di episodi oltre che con le parole della sceneggiatura si gioca in abbinamento col trucco (Scamarcio imbruttito da dentoni, Mastandrea intristito da pelata, vestiti e postura impiegatizia) per ricordare quando la commedia all’italiana faceva cose come I mostri (forse). C’ è qualcosa che non va, malinconia a parte, sarà che la commedia all’italiana classica criticava dall’interno del boom e oggi tutto è depresso e critico in partenza o che l’ispirazione è un film francese di 8 anni fa con Dujardin e Lellouche, titolato anche lui Gli infedeli , dove per fare l’occhiolino alla commedia all’italiana Lellouche diceva a Dujardin “le metto molte più corna da quando c’è la crisi economica. Sarà la paura della povertà?” e c’era una piccola variante di La voglia matta: per il resto era una commedia a episodi diretti da 8 registi. I due film hanno in comune gli episodi del venditore squallido, della coppia che si rivela i tradimenti,  le mani degli attori in sceneggiatura e forse la tesi che quando vanno compulsivamente a donne gli uomini cercano altri uomini. Mah.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome