La classe operaia va in paradiso, un film di Elio Petri

Lunedì 3 agosto 2020 alle ore 21,30 al cinema Beltrade via Oxilia, 9 Milano prosegue l’omaggio a Ennio Morricone, Elio Petri e Ugo Pirro

0
La classe operaia va in paradiso

Una grande interpretazione di Gianmaria Volonté

Ludovico Massa, detto Lulù (Gian Maria Volonté), operaio milanese metalmeccanico sfiancato dalla fabbrica, tormentato dall’ ulcera e con due famiglie a carico, è un convinto sostenitore del lavoro a cottimo grazie al quale può permettersi l’automobile, tanti piccoli oggetti del tutto inutili e una pelliccia per la sua “signora” (Mariangela Melato).  Il suo mondo è rappresentato dal calcio, dalla televisione e dal desiderio di guadagnare sempre più denaro. Anche il suo tentativo di evadere dalla routine con un’avventura extraconiugale con la sua giovane collega Adalgisa (Mietta Albertini), si rivela un disastro.  Grande stacanovista molto amato dai suoi superiori e odiato dai compagni di lavoro che lo considerano solo un servo dei padroni, l’operaio a causa del ritmo frenetico alla catena di montaggio cui si sottopone, comincia a dare segni di un forte stress emotivo. Lo stato di alienazione nel quale è precipitato gli fa desiderare una vita sociale e familiare normale. Anche le sue visite a Militina (Salvo Randone), un vecchio operaio finito al manicomio che gli confessa: “Qui è come in fabbrica, solo che non ci fanno uscire la sera”, lo portano ancor di più alla depressione. Un giorno in seguito ad un incidente sul lavoro, la perdita un dito, cade in una profonda crisi che lo costringe a rivedere le sue posizioni politiche e di vita. Gian Maria Volonté si cala completamente nel personaggio: «La prima volta che vidi Gian Maria — racconta l’attrice Mietta Albertini — era bello, bellissimo, ma poi il primo giorno delle riprese me lo avevano tramutato in un omaccio con tutti i riccioli…».  Scritto da Ugo Pirro ed Elio Petri, il film vincitore nel 1972 del Gran Premio al Festival di Cannes (ex aequo con Il caso Mattei), è un riuscito atto di denuncia sociale del mondo produttivo e delle sue leggi feroci diretto da un grande regista, Elio Petri, oggi ingiustamente un po’ dimenticato, ma autore di opere fondamentali del cinema italiano degli anni Settanta quali Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, 1970; La proprietà non è più un furto, 1973; Todo modo, 1976. Straordinarie le musiche composte da Ennio Morricone.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome