Elodie pubblica e risponde agli insulti sessisti

0
Elodie

Denigrare un essere umano per le sue origini è già aberrante. Ma se si sfrutta la provenienza di qualcuno tramutando il tutto anche in sessismo, è ancora più grave. È ciò che è accaduto alla splendida Elodie, che di certo non si è fatta intimidire.

Insulti molto pesanti, a sfondo sessuale o a rimarcare le sue origini (per metà) straniere. Le offese le sono state rivolte in questi giorni sui social dopo che aveva ribadito in un’intervista con il Corriere le sue idee politiche lontane da quelle della Lega. «Quando hai un ruolo politico hai un megafono. E se offendi gratuitamente qualcuno scatenando odio ti assumi una grande responsabilità. Non mi piace come la Lega cerca di accalappiare voti. Vorrei avere dei veri punti di riferimento a rappresentarci», aveva detto Elodie, aggiungendo: «Che sia stata a Lecce o nelle case popolari a Roma, ho sempre trovato una grande famiglia, gente che accoglie il diverso. Il Paese è meglio di chi lo rappresenta. Certo, c’è tanta ignoranza e sarebbe bello che chi ci governa la diminuisse, anziché far leva su quello».

Il partito guidato da Matteo Salvini, in tutta risposta, nei giorni scorsi aveva pubblicato sul profilo Twitter ufficiale «Lega – Salvini Premier» un’immagine della cantante con accanto le sue parole e aveva commentato: «Non la pensi come lei? Sei ignorante!». Da lì si è scatenato il coro di insulti sessisti che la cantante ha voluto prontamente mostrare, aggiungendo: «E noi donne vi mettiamo pure al mondo»Immediato il sostegno dei fan, molti dei quali la invitano a denunciare gli autori, fra cui spicca anche il commento del fidanzato, il rapper Marracash, che scrive «Che schifo di Dio».

Da cittadina e da donna, piena solidarietà a Elodie, che non si è piegata a logiche politiche, sessiste e maschiliste. Essere una bella donna e di successo spesso viene visto come una colpa, se poi entrano in gioco ideologie razziste,  retrograde, becere e incompatibili col mondo civile, non è assolutamente possibile tacere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome