Una petizione per salvare il Cavern Club, il locale che ha lanciato i Beatles

0
The Beatles

Il Cavern Club, il locale che, 60 anni fa, ha lanciato i Beatles rischia chiudere definitivamente a causa della pandemia dovuta al Covid-19.

Il numero 10 di Mathew Street, che probabilmente è il club più famoso al mondo, tanto da attirare più di 800.000 visitatori all’anno ed è un fattore chiave nell’industria dei Beatles che fattura oltre 100 milioni di sterline all’anno, ha ospitato star come i Rolling Stones, Stevie Wonder, David Bowie, Elton John e i Queen, oltre ad aver avuto sul proprio palco artisti “moderni”, come Adele.

Ma i proprietari del leggendario locale non sono più in grado di gestire le perdite dovute alla pandemia. In un’intervista con il Liverpool City Council, Bill Heckle, uno dei direttori del club, ha affermato che il Cavern sta perdendo, dall’inizio del lockdown, 30.000 sterline a settimana. Pur avendo riaperto da poche settimane il locale è vincolato a mantenere una capienza del 30%, che non gli permette di rientrare dai debiti e pagare gli stipendi dei dipendenti.

La sopravvivenza del Cavern si basa su una scelta del Government’s Cultural Recovery Fund: la Commissione per gli edifici storici e i monumenti per l’Inghilterra dovrebbe definire il locale come “punto di riferimento storico”, in modo che il Governo del Regno Unito possa fornire gli aiuti finanziari necessari a salvare questo pezzo di storia del rock and roll.

Per “facilitare” questa scelta è stata creata un petizione online per convincere la Commissione inglese. A questo link trovate tutte le informazioni e la possibilità di contribuire.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome