Little Joe

Un piccolo fiore curato in laboratorio per spargere felicità nel mondo

0

Little Joe
di Jessica Hausner
con Emily Beecham, Ben Whishaw, Kerry Fox, Kit Connor, Phénix Brossard, Leanne Best

Little Joe è un fiore rosso trattato dai biologi per essere resiliente (non lo curi e lui vive), per spargere un profumo che rende felici (c’è ossitocina, la sostanza che lega le madri ai neonati) e per fare un mucchio di soldi sul mercato perché tutti vogliono essere felici. Peccato che renda tutti felici solo se legati a lui in un rapporto madre/figlio che non esclude l’eliminazione violenta dei pericoli potenziali. Forse il mondo sarà più felice se tutti ragioneranno in funzione di Little Joe. Fantascienza fredda, freddissima, da laboratorio industriale,  ottenuta con l’eliminazione delle emozioni, una gara a chi non cambia espressione,  tanto che spesso è difficile capire la differenza dei comportamenti tra un prima e un dopo essere stati impollinati dalle colonie dei piccoli fiori. Ma dipende dallo stile della regista. Gli adulti ricordano quelli di L’invasione degli ultracorpi, i bambini quelli di Il villaggio dei dannati, il massimo della violenza è un pugno e invece di grida o  movimenti strani, l’azione è affidata a una colonna sonora materica. Con questo film l’austriaca Jessica Hausner (Lourdes) è andata in concorso a Cannes lo scorso anno. La materia così raffreddata suscita brividi da meditazione, speriamo di non aggiungerla alle paturnie contemporanee visto che c’è di mezzo un virus…

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome