Hugh Grant compie 60 anni, 5 interpretazioni che ci hanno fatto innamorare

0
Hugh Grant

Occhi azzurro cielo, capelli sempre in ordine (dal semicaschetto nero corvino fino al taglio corto e brizzolato), sorriso disarmante e un elegante accento british: è Hugh Grant, che oggi compie 60 anni, e che, una commedia romantica dopo l’altra, è riuscito a far innamorare intere generazioni.

Antidivo, latin lover (celebre il flirt con Elizabeth Hurley) e padre di 5 figli avuti da 2 diverse compagne, Grant è arrivato a farsi conoscere dal grande pubblico a 34 anni grazie al suo ruolo da protagonista in Quattro matrimoni e un funerale. Da allora si è guadagnato copioni sempre più ambiti e il titolo di sex symbol indiscusso. Che mantiene tuttora, nonostante le rughe e un carattere che nel tempo ha fatto parecchio discutere.

Nel corso della sua carriera è stato infatti fermato in compagnia di una prostituta e multato per atti osceni in luogo pubblico, ha subito un arresto per aver aggredito un fotografo e ha scosso gli equilibri di Hollywood per le sue uscite poco eleganti sulla collega Julia Roberts, compagna di set nel celeberrimo Notting Hill. Ha dichiarato infatti che non avrebbe voluto lavorare con lei e baciarla per finzione scenica a causa della bocca troppo grande dell’attrice.

Dopo qualche colpo di testa però, pare essersi tranquillizzato e negli ultimi anni si è dedicato, oltre che al cinema, anche a cause socialmente impegnate. Nel 2019, ad esempio, schierandosi contro la Brexit, ha bussato (replicando una scena interpretata in Love Actually) alle porte di alcune abitazioni della capitale britannica (pensate che spettacolo ritrovarselo sull’uscio di casa!) esortando i londinesi a votare No, a continuare a sentirsi europei e a  riconoscersi nei valori che stanno alla base dell’UE.

L’operazione, come sappiamo, non ha portato al fine desiderato ma il suo impegno non è certo passato inosservato. Nemmeno agli occhi del primo ministro Boris Johnson con il quale non corre esattamente buon sangue.

Caratteraccio e impegno politico a parte però, diciamoci la verità: se pensiamo a Hugh Grant lo facciamo soprattutto per la sua inconfondibile e ingannevole faccia pulita, capace di prestarsi a qualsiasi interpretazione cinematografica: dal romantico imbranato e un po’ sfigato (ruolo che gli affidano di continuo, nonostante lo rispecchi poco), fino al ricco, narcisista e sciupafemmine.

Per celebrarlo nel giorno del suo 60esimo compleanno, ecco 5 scene indimenticabili di 5 famosissimi film che lo hanno visto protagonista e che ci hanno fatto innamorare:

  • Quattro matrimoni e un funerale (1994)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

  • Notting Hill (1999)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

  • Il diario di Bridget Jones (2001)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

  • Love actually (2003)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

  • Scrivimi una canzone (2007)

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Maria Francesca Amodeo
Classe 1991, calabrese, testarda e abitudinaria. Ho conseguito un master in giornalismo politico, economico e di informazione multimediale alla Business school del Sole24Ore. Amo il mare, soprattutto quello di casa mia. Le grandi passioni della mia vita però sono soprattutto tre: la politica, la scrittura e Luciano Ligabue. Ho così tanti sogni nel cassetto che non so più dove mettere i vestiti!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome