Cristiano Turrini, con “Kuala Lumpur” definisce la sua identità artistica. E vince Deejay On Stage

0
Cristiano Turrini

Romano, classe 1989, per due volte Cristiano Turrini è stato tra i 60 finalisti di Sanremo Giovani. Lo scorso 22 agosto si è tolto la soddisfazione di vincere Deejay On Stage, contest promosso da Radio Deejay, con la canzone Kuala Lumpur, il suo ultimo singolo, da fine agosto disponibile su tutte le piattaforme di streaming. In carriera è stato anche candidato al Nastro d’Argento per il brano Sconnessi, inserito nella colonna sonora dell’omonimo film di Christian Marazziti.

Abbiamo intervistato Cristiano Turrini per parlare del suo nuovo singolo e dei suoi progetti futuri.

In Kuala Lumpur, il tuo nuovo singolo, unisci sonorità occidentali ed asiatiche. Com’è nata l’ispirazione per questa canzone?
Kuala Lumpur nasce in un momento importante del mio percorso, in cui ero alla ricerca di un’identità artistica sempre più definita e in equilibrio tra il mercato discografico e la mia vocalità. Come di consueto ero in studio con il mio amico e produttore Marco Canigiula di Cantieri Sonori e, guardando un video su YouTube, ci siamo lasciati catturare dai generosi scenari della Malesia. Nasce così l’idea di voler ambientare “la fine di una storia d’amore” nella meravigliosa cornice della capitale malese.

Chi ha lavorato con te alla produzione del brano?
Oltre al mio produttore Marco Canigiula, come accennato prima, hanno preso parte alla produzione importanti musicisti e soprattutto amici con i quali collaboro ormai da anni che sono Jacopo Carlini (piano), Davide Gobello (chitarre), Matteo Carlini (basso) e Skywalker. Ognuno di loro ha reso tutto questo possibile.

Il singolo anticipa un album o è un progetto a sé?
Kuala Lumpur è l’inizio di un novo progetto completo che spero di farvi presto ascoltare.

Per due volte sei stato tra i 60 finalisti di Sanremo Giovani. Il palco dell’Ariston resta un tuo obiettivo?
Credo che per chiunque faccia il mio mestiere il palco dell’Ariston sia un sogno. Sicuramente ci riproverò ancora.

Con Kuala Lumpur lo scorso 22 agosto hai vinto l’edizione 2020 di Deejay On Stage, contest promosso da Radio Deejay. Cosa rappresenta per te questo successo?
La vittoria del Deejay on Stage è stata sicuramente una bella boccata d’aria fresca. Dopo vari consensi, ma anche tante porte in faccia, vincere un contest così prestigioso e soprattutto sentire un mio brano in rotazione su un network così importante è un sogno che si realizza. Ma non ci si ferma qui, continuo a lavorare sodo insieme al mio team.

Ci racconti come è nato il tuo amore per la musica?
All’età di 5 anni ero in vacanza con i miei genitori in un villaggio turistico e mi hanno catapultato su un palco. Da lì ho capito che quello sarebbe stato il mio posto. Ho iniziato a studiare canto con vari insegnanti e in varie accademie di musica, ma anche di recitazione e doppiaggio, per ottenere una formazione più completa. Da un po’ di anni sono diventato vocal coach e negli ultimi 5 anni mi sono immerso nella scrittura e nella realizzazione dei miei brani con un team che mi segue e sostiene.

Quando ascolteremo la tua prossima canzone?
Credo molto presto! Stiamo già lavorando a nuovi singoli e perché no alla realizzazione di un album anche grazie ad importanti collaborazioni di cui ancora però non posso parlare.

Il video di Kuala Lumpur:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome