Festival delle Idee: nuovi ospiti ed eventi

0

Il Festival delle Idee di Venezia/Mestre , giunto alla sua seconda edizione, si arricchisce di altri ospiti ed eventi che impreziosiscono la kermesse veneta. Camila RaznovichPatrizio RoversiLaura ValenteDonato Carrisi,  si aggiungono ai già annunciati Corrado Augias, Fiona May, Jury Chechi, Valeria Parrella, Enrico Vanzina, Telmo Pievani.

Patrocinato dalla Regione del Veneto e dal Comune di Venezia, il Festival è ideato e organizzato da Marilisa Capuano con Tommaso Santini per Associazione Futuro delle Idee, in collaborazione con Fondazione di Venezia, e co-organizzato da M9-Museo del ’900.

Tema di quest’anno sarà Idee per la Rinascita, su cui esponenti del mondo della cultura, dello sport, della scienza e dell’imprenditoria condivideranno la loro “visione di futuro”.

Il 2020 è stato un anno del tutto particolare, un anno che ha rivoluzionato le nostre priorità e  che ci ha portato a guardare il mondo con occhi nuovi, ad aprire lo sguardo sulla nostra vita, sulla nostra quotidianità, sui nostri obiettivi, in modo diverso da quanto succedeva solo qualche mese prima.

La seconda edizione del “Festival delle Idee” non poteva dunque che interrogarsi sul “contemporaneo”, alla ricerca di una Bellezza che, nonostante tutto, ci attende, sempre, se la sappiamo e la vogliamo cogliere. Su di essa e sull’analisi di un “nuovo domani” si focalizzerà il Festival che, per la sua seconda edizione, si dedicherà alle Idee per la rinascita.

Questo il tema che gli ospiti saranno chiamati ad affrontare, declinato sulla visione del Futuro e sul percorso artistico di ogni singolo protagonista della manifestazione. Il racconto intimo e colloquiale continuerà ad essere il filo rosso del Festival, per fornire preziosi consigli e spunti educativi al pubblico e ai giovani, per stupire con analisi e visioni di futuro fuori dagli schemi.

Una sezione sarà inoltre dedicata alle aziende. Imprenditori presenteranno le loro case history di successo parlando di mecenatismo d’impresa e politiche di investimento nella cultura.

Ogni ospite avrà una frase personale che lo identifica sul tema Idee per la rinascita. Il regista e video artist Fabio Massimo Iaquone rielaborerà le frasi in un progetto grafico, che verrà proiettato durante il Festival.

Alcuni incontri saranno diffusi anche via streaming per raggiungere un pubblico ancora più ampio.

Il Padiglione Venezia ai Giardini della Biennale ospiterà inoltre alcuni appuntamenti del Festival all’interno del progetto “Aperture Straordinarie”.

 Camila Raznovich, conduttrice di Il Borgo dei Borghi e di Kilimangiaro, ha molto a che fare con la Natura, che ha ritrovato lo spazio per mostrarsi ai nostri occhi in tutta la sua magnificenza, e con la rinascita green, in cui ci coinvolgerà con il suo entusiasmo e la sua energia creativa .

Atmosfere noir e mistery, la psiche, eterno mistero dal fascino sublime, sono materia fluida su cui lo scrittore Donato Carrisi crea i suoi best seller, e gira thriller pieni di suspence. Al Festival la rinascita con lui si affronterà attraverso un viaggio alla scoperta dell’universo dentro ognuno di noi.

Il valore della Cultura, baluardo con cui guardare al futuro, è invece il focus dell’incontro con Laura Valente, presidente del Museo Madre di Napoli, abituata a narrare “il contemporaneo”; con lei si parlerà di come le mostre, le attività museali, siano un viaggio da fare dal vivo, con la mente, con gli occhi e con il cuore. Sarà un’innovazione di processo e non (solo) tecnologica a vincere la sfida sul futuro” ci dice.

“La retorica della ripartenza, mi produce una certa insofferenza. Ripartire? Percome e perdove?” Chi può rispondere a queste domande? L’autore della filastrocca, il viaggiatore per antonomasia, Patrizio Roversi, giornalista e volto tv, fra natura, viaggi e turismo, saprà fornirci quell’iniezione di buon umore e d’energia, per mettersi in viaggio verso il futuro su traiettorie nuove ed originali (18 ottobre).

Un progetto dedicato al tema del Festival sarà proposto dallo chef delle star Tino Vettorello, che condividerà la sua esperienza e conoscenza delle materie prime per la creazione di piatti dal sapore antico, ma in grado di cogliere le istanze del vivere contemporaneo.

Il Festival è in programma dal 15 al 18 ottobre all’M9 – Museo del ’900 di Venezia Mestre.

Vista la grande richiesta di pubblico, da oggi, venerdì 18 settembre,  sul sito www.festivalidee.it aprono le prenotazioni per i singoli eventi ed il programma completo sarà comunicato a fine settembre.

L’i ngresso gratuito con prenotazione obbligatoria: sul sito www.festivalidee.it è possibile prenotare i singoli eventi fino ad esaurimento posti.

Vista la capienza ridotta imposta dalle norme anti-Covid, chi non potrà assistere a incontri che ha già prenotato, è pregato di comunicarlo scrivendo alla mail del festival , così da poter lasciare il posto ad altre persone.

Si consiglia di arrivare in M9 almeno 40 minuti prima dell’evento.

Gli incontri saranno contingentati nel rispetto delle norme vigenti per garantire la sicurezza di artisti e pubblico. In tutta l’area di M9 saranno messe in atto le dovute misure sanitarie anti-Covid e saranno segnalate le precauzioni da adottare per poter accedere agli eventi.

 Il “Festival delle idee” è patrocinato dalla Regione del Veneto e dal Comune di Venezia, ideato e organizzato da Marilisa Capuano con Tommaso Santini per Associazione Futuro delle Idee, in collaborazione con Fondazione di Venezia, e co-organizzato da M9-Museo del ’900. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome