Federico Poggipollini esce con un nuovo singolo omaggiando Eugenio Finardi

0

È uscito su tutti gli store digitali “Trappole”, il nuovo brano di Federico Poggipollini, feat. Eugenio Finardi. Dopo l’esibizione dello scorso 9 settembre all’appuntamento radiotelevisivo di RTL 102.5 “PowerHits2020” in cui ha aperto le danze suonando l’Inno di Mameli dalle gradinate dell’Arena di Verona, “Capitan Fede” continua il percorso verso l’uscita del suo nuovo album “Canzoni Rubate”.

Dopo le pubblicazioni di “Il chiodo” (rivisitazione in chiave acustica del brano degli Skiantos contenuta nel disco “Saluti da Cortina”) e di “Monna Lisa” (celebre canzone di Ivan Graziani contenuta nell’album “Pigro” arricchita dal featuring di Cimini), “Trappole” è un brano urgente, quasi un classico stile New Wave Anni ’80. Un omaggio di Federico Poggipollini verso Eugenio Finardi avendo lo stesso Finardi al proprio fianco.

«Una canzone dal ritmo incalzante. Tra la new wave e il punk anni 80. Il basso ipnotico con la batteria che suona nervosa e libera nei fill. Gli interventi di chitarra e tastiera sono in perfetto stile con la musica di quegli anni. Trappole il testo in una frase: la trappola in cui il cervello cade a causa di automatismi. Grazie a Eugenio Finardi che con la sua voce decisa e ruvida regala una interpretazione ricca di sfumature».

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mattia Luconi
Di origini torinesi, ma trapiantato ormai da diversi anni in quella magnifica terra che ha dato i natali ai più grandi musicisti italiani, l'Emilia. Idealista e sognatore per natura, con una spiccata sindrome di Peter Pan e con un grande amore che spazia dal Brit rock passando per quello a stelle e strisce, fino ai grandi interpreti italiani. Il tutto condito da una passione pura, vera e intensa per la musica dal vivo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome