CinemAmbiente, 23° edizione

Dal 1° al 4 ottobre 2020 al Cinema Massimo di Torino, 65 film tra lungo, medio e cortometraggi provenienti da 26 Paesi

0
Foto film Rebuilding Paradise

La manifestazione è dedicata alla cinematografia e della cultura green

Da alcuni anni il Festival dedica la sua apertura al tema dei cambiamenti climatici, nella convinzione che il mancato contenimento del riscaldamento globale e il conseguente avvicinarsi di punti di non ritorno con effetti irreversibili per tutti i comparti ambientali, siano oggi la massima emergenza planetaria. Il film di apertura sarà Rebuilding Paradise (giovedì 1° ottobre ore 21.00) diretto da Ron Howard, che affronta la drammatica attualità degli incendi incontrollabili, alimentati dall’estrema siccità, di cui la California è ormai vittima sistematica. Girata a Paradise, ridente cittadina rasa al suolo nel giro di tre ore, l’8 novembre 2018, dal Camp Fire, uno degli incendi più devastanti nella storia dello Stato, la pellicola è ambientata nella comunità resiliente, determinata a non lasciarsi sopraffare dalle avversità e a ricostruire tutto quanto andato perso tra le fiamme. Il film di chiusura The Great Green Wall (domenica 4 ottobre, ore 21.00) di Jared P. Scott, è invece un viaggio guidato dalla musicista-attivista maliana Inna Modja, nel Sahel, uno degli avamposti dei cambiamenti climatici. The Troublemaker (sabato 3 ottobre, ore 20.00) diretto da Sasha Snow, approfondisce le ragioni e le emozioni rispetto alla devastazione ecologica causata dall’antropizzazione, di Sylvia Dell, una semplice cittadina e Roger Hallam, il fondatore radicale di Extinction Rebellion, movimento internazionale, socio-politico, non violento. Il programma propone ancora il mediometraggio Génération Greta (giovedì 1° ottobre ore 17.30) di Simon Kessler e Johan Boulanger, le storie di nove attiviste, in altrettanti diversi punti del mondo, dal Kenya all’Ecuador, dalla Francia alle Filippine, che sull’esempio di Greta Thunberg, si battono contro i drammatici effetti della mutazione dell’ambiente. Con Ragazzi irresponsabili (giovedì 1° ottobre ore 18.30) di Ezio Maisto, si torna invece entro i nostri confini, per conoscere più da vicino i giovani italiani organizzatori dei Fridays For Future e gli scioperi della scuola per il clima.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome