“Streghe”: il 7 ottobre 1998 debuttava la serie cult

0

“Il potere del trio coincide col mio”. È la formula magica che contraddistingue le otto stagioni di Streghe (nella versione originale Charmed), serie cult di fine anni ’90.
Le sorelle Halliwell, Prue (Shannen Doherty), Piper (Holly Marie Combs), Phoebe (Alyssa Milano) e poi Paige (Rose McGowan), ci portano in un mondo in cui esiste la magia, tra passato e futuro, mondi paralleli e lotte quotidiane con demoni.
La serie fantasy americana, prodotta da Aaron Spelling, debutta il 7 ottobre 1998, ed è per anni la serie più longeva ad avere protagoniste soltanto donne.

Seguendo la scia di produzioni che funzionavano sul finire degli anni ’90, come Buffy e Sabrina Vita da Strega, la serie di Spelling si distingue per la sapiente miscela tra lotte giornaliere con creature magiche, in difesa del “bene supremo”, e la “normale” quotidianità delle sorelle Halliwell, che vivono amori e amicizie, gioie e dolori, costruendo perfettamente la caratura dei loro personaggi: donne indipendenti e piene di sfaccettature.

Trama

Il primo episodio si apre con la scoperta delle sorelle Halliwell (Prue, Piper e Phoebe) di essere delle streghe moderne, e non delle streghe qualsiasi, bensì le Prescelte, destinate ad essere le tre streghe più potenti della storia, appartenenti ad una lunga e potente dinastia di streghe buone. La loro è la forza del Bene più forte mai vista: il “Potere del Trio” è reso quasi invincibile perché le Halliwell, oltre ad essere streghe, sono sorelle, e vivono nella stessa casa, luogo catalizzatore della più grande magia, posto a distanza esatta dai cinque elementi.

Con il prezioso aiuto del loro Angelo Bianco, Leo Wyatt (che poi sposerà Piper), le tre sorelle salvano e proteggono gli “innocenti”, combattendo contro il Male in tutte le sue declinazioni. Dopo tante battaglie vinte, il Male ha la meglio: Prue (la sorella maggiore) muore per mano di un demone. Ma la sua morte non conduce, come si può facilmente immaginare, alla scomparsa del “trio”: Piper e Phoebe sono destinate infatti ad incontrare la loro sorellastra, Paige Matthews (nata dell’impossibile relazione tra la madre delle sorelle, una strega, e il suo angelo bianco: relazione non approvata dagli “anziani”, che proibiscono i legami sentimentali tra streghe e Angeli Bianchi). Con Paige il potere del trio si consolida e matura, fino alla vittoria nella battaglia finale. Dopo anni di lotte e perdite (come quella di Prue) le sorelle possono finalmente vivere una vita serena.

La serie, tra le più amate dal pubblico, è stata trasmessa in Italia da Rai due; nel fine settimana la rete propone due episodi alla volta, il sabato mattina, intorno alle 7:20 (la serie si sta avviando alla sua conclusione, con gli ultimi episodi dell’ottava stagione). Visto il gran successo, nel 2018 è stato realizzato un reeboot dell’omonimo show, che non ha portato però i risultati sperati.

Dieci curiosità sulla serie originale 

1. Piper Halliwell (Holly Marie Combs) è l’unico personaggio che appare in tutti gli episodi della serie, anche in quello pilota inedito.

2. la serie originariamente doveva essere ambientata a Boston, Massachussetts, con protagoniste tre ragazze universitarie che vivevano insieme e combattevano il male.

3. Phoebe Halliwell doveva essere interpretata da Lori Rom; l’attrice però abbandonò la serie subito e la parte fu data ad Alyssa Milano.

4. Ogni episodio finale delle stagioni, tranne la sesta, si conclude con l’immagine della porta di casa Halliwell che si chiude.

5. Aaron Spelling aveva pensato di intitolare inizialmente la serie House Of Sisters: la casa delle sorelle

6. Shannen Doherty fece il provino per il ruolo Piper, ma le fu assegnato il ruolo di Prue.

7. Quando Shannen ha abbandonato il cast, sono stati fatti molti provini per impersonare la terza sorella. Ci hanno provato Jennifer Love Hewitt, Sarah Brown, Tiffani Thiessen, Soleil Moon Frye, Susan Ward, Eliza Dushku. Il ruolo poi è andato a Rose McGowan.

8. Alcune guest stars della serie: Kaley Cuoco-Sweeting (The Big Bang Theory), Eric Dane (Grey’s Anatomy), John Hamm (Mad Men), Norman Reedus (The Walking Dead), Zachary Quinto (Heroes), Billy Zane (Titanic, Ritorno al futuro), Charisma Carpenter (Buffy), Kerr Smith (Dawson’s Creek), Amy Adams (American Hustle, Big Eyes).

9. In Italia, nel 2002, è uscito anche il videogioco di Streghe: un successo.

10. In un episodio, Cole – il demone Belthazor dice: “Trovo molto molto seccante la tua mancanza di fede.” Questa è una citazione da Star Wars.

E per finire: lo sapevate che la storia è proseguita in un fumetto? “Il potere del trio”: to be continued.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome