Il Nobel per la Pace arriva a Roma: premiata la lotta contro la fame.

0

Il Premio Nobel per la Pace 2020 è stato assegnato al World Food Programme, agenzia Onu che ha sede a Roma, in via Cesare Giulio Viola, nel quartiere Magliana.
L’organizzazione si batte da tempo per la solidarietà internazionale nella lotta contro la fame.

Deluse le aspettative per chi sperava che il premio andasse a Greta Thunberg, il Norwegian Nobel Commitee ha spiegato le motivazioni dell’assegnazione del prestigioso premio. «L’epidemia di Covid rende più urgente la lotta alla fame. Il Wfp è stato insignito del premio Nobel per la pace 2020 per i suoi sforzi nel combattere la fame, per il suo contributo nel migliorare le condizioni per la pace nelle aree colpite da conflitti e per la sua azione nel guidare gli sforzi per prevenire l’uso della fame come un’arma di guerra e conflitto».

L’agenzia Onu è stata scelta tra 318 candidature, il quarto numero più alto di sempre.
Dopo l’annuncio il WFP ha ringraziato su Twitter: “Onorati, lotta alla fame e pace vanno di pari passo”.

Il World Food Programme è la più grande organizzazione umanitaria del mondo che si batte contro la fame e che promuove la sicurezza alimentare.  Nel 2019 ha dato assistenza a quasi 100 milioni di persone in 88 Paesi che sono stati vittime di grande insicurezza alimentare.
Nel 2019, 135 milioni di persone hanno sofferto la fame, il numero più alto da diversi anni a questa parte. Ciò è dovuto in buona parte alle guerre e ai conflitti, e come sottolineato dal comitato del Nobel, le vittime della fame nel mondo con la pandemia da Covid sono aumentate in maniera ancora più esponenziale.
Per questo l’azione del WFP è indispensabile.

WFP is deeply humbled to receive the 2020 #NobelPeacePrize from Nobel Prize.This is in recognition of the work of WFP…

Pubblicato da World Food Programme su Venerdì 9 ottobre 2020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome