Negramaro: «Il contatto è una cosa che cerchiamo da sempre, può sopperire all’assenza di parole»

0
negramaro contatto

L’attesa è finita, Contatto dei Negramaro è disponibile su tutte le piattaforme, insieme al video ufficiale. Un video diretto da Trilathera, con la partecipazione di Alessio Lapice e Caterina Rossi nei panni dei due protagonisti, e Luca Della Grotta, responsabile dei visual effects del premio Oscar Paolo Sorrentino.

Contatto, come vi abbiamo già annunciato, è anche il nome del decimo album in studio della band, prodotto da Andrea Mariano, in uscita il 13 novembre.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Mai come in questo periodo la parola “contatto” ha riacquistato la propria fisicità, come ha dichiarato Giuliano Sangiorgi.

“Negli ultimi anni questa parola era diventata astratta. Ed è ancora più bello pensare che in questo momento si sia riempita non solo di quella sua fisicità, ma anche di un sogno: quella speranza di avere quel contatto fisico che tanto speriamo e sogniamo.”

In questo brano, i Negramaro sono portavoce di un messaggio universale, del bisogno più umano e vero: il contatto con le persone amate. Contatto è la storia di due persone che scappano, ma si ritrovano sempre in una dimensione dove le paure si prendono una pausa e il tempo decide di non scorrere.

“Insieme, si fa meno fatica a restare in piedi. I nostri corpi in equilibrio, si sostengono a vicenda. Il contatto è una cosa che cerchiamo da sempre. Può sopperire all’assenza di parole…Può riempirsi di tutte le nostre vite e trasferirle da un sogno all’altro.”

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome