Gli “Attacchi di panico” di Francesca Sarasso, quando una canzone racconta l’intimo di un’artista

0
Francesca Sarasso

Avevamo parlato di lei, per la prima volta, cinque mesi fa, in occasione dell’uscita di Antiamore (cliccate qui). Ora torniamo ad occuparsi di Francesca Sarasso, perché la cantautrice piemontese ha da poco pubblicato un nuovo singolo, intitolato Attacchi di panico. Una canzone che, già dal primo ascolto, trasuda vita vissuta. Abbiamo così deciso di intervistare Francesca per parlare del suo nuovo singolo, ma anche del suo futuro musicale.

Quanto è autobiografica Attacchi di panico, la tua nuova canzone?
Attacchi di panico è totalmente autobiografica. Mi ci è voluto più di un anno per trovare il coraggio e la forza di scriverla. Credo sia il brano più intimo e doloroso che io abbia scritto fino ad oggi.

La musica può essere terapeutica per un’artista?
Certo. Il giorno in cui ho terminato la scrittura del pezzo è cominciata una lenta risalita che mi ha portata ad essere quella che sono oggi. Mi amo per quello che sono, anche per le mie fragilità.

Attacchi di panico arriva a cinque mesi di distanza da Antiamore, il tuo singolo precedente, che era stato annunciato come il primo tassello di un tuo nuovo progetto. Come proseguirà ora questo tuo percorso?
Il percorso proseguirà con un disco nel 2021. Ma non è detto che non esca qualche altro estratto prima dell’uscita dell’album. Chi vuole intendere, intenda!

Ci racconti come è nato il tuo amore per la musica?
È nato da bambina, guardando mio padre suonare il pianoforte. È lui che mi ha trasmesso questa passione di cui non posso fare a meno.

Oggi che musica ascolti?
Ultimamente sto ascoltando molto pop anni 80. Vorrei scrivere qualcosa con quell’impronta musicale.

Tre anni fa hai vinto il Premio della critica e il Premio per la miglior musica a Musicultura 2017. Poi hai partecipato al Premio Lunezia. Quali ricordi hai di quelle due esperienze?
Musicultura è un pezzo di cuore. Ricordo i palchi dei grandi teatri in cui ho avuto il piacere di suonare e le persone splendide che ho incontrato in quei mesi. Al premio Lunezia partecipai come autrice: fu una grande soddisfazione vedere arrivare un brano scritto da me in finalissima!

Qual è il tuo sogno nel cassetto?
Vincere il David di Donatello per la miglior colonna sonora.

Attacchi di panico:

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran, iniziata nel 2000 e che prosegue tuttora. Per 15 anni ho collaborato anche con il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 e fino alla sua chiusura ho curato il blog Atuttovasco.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome