Paolo Maiorino: “I Grandi Album Italiani, la fotografia di 30 anni di musica italiana”

0

Una collana dedicata a trenta grandi album del panorama musicale italiano. I Grandi Album Italiani è l’appuntamento settimanale, in edicola, con la grande musica. Il progetto è partito il 27 ottobre, e mira a rispolverare o far scoprire 30 grandi album del passato. Nel ripercorrere trent’anni di storia della musica italiana, che vanno dal 1970 al 2000, la raccolta abbraccia artisti e generi diversi. Da Lucio Dalla (prima uscita) a Lucio Battisti, da Fabrizio De André a Mina, e poi Franco Battiato, Paolo Conte, Pino Daniele, Edoardo Bennato, Laura Pausini, Vasco Rossi, Ligabue e tanti altri, ogni uscita è composta da edizioni curate in ogni minimo dettaglio.

Paolo Maiorino, responsabile del catalogo Sony Music, ci ha illustrato il progetto.

Come nasce l’idea di questa raccolta?
In momenti come questi, assolutamente imprevedibili, bisogna anche provare a immaginare scenari diversi. I negozi di dischi hanno sofferto le conseguenze del lockdown, ci siamo dovuti reinventare discograficamente, e l’edicola è diventata un centro nevralgico per la diffusione della musica: l’abbiamo individuata come elemento fondamentale di questa iniziativa. Oggi assistiamo ad una ventata di musica completamente nuova, la trap domina le classifiche, ma è rivolta ad un pubblico giovane, che va ad escludere le fasce intermedie. Abbiamo pensato inoltre fosse anche il momento storico giusto di riscoprire trenta capolavori della musica italiana (che potevano essere molti di più). Ci siamo limitati a questi, scegliendoli con un certo criterio.

Come sono stati scelti?
Va detto che è una raccolta multi-etichetta, non c’è solo la Sony Music, ma la Warner, la Universal e la BMG, quindi abbiamo dovuto e voluto giocoforza distribuire le risorse attraverso tutte le etichette che hanno partecipato. Per quanto riguarda la scelta, abbiamo privilegiato album che sono veramente storici per l’artista che li ha realizzati e anche album che sono stati importanti nell’anno in cui sono stati pubblicati, ma che poi il tempo ha un po’ “dimenticato”, cercando di creare quindi un giusto mix tra le due realtà. Se il pubblico vorrà premiarci, da 30 non è detto che non possano diventare 50 e andare avanti a oltranza.

Il progetto quindi potrebbe continuare?
Sì, anche perché come ha visto non abbiamo previsto un box raccoglitore, i dischi escono uno a settimana. Abbiamo iniziato il 27 ottobre con Lucio Dalla, e in base a quello che succederà capiremo se ci sono i presupposti per andare avanti oltre la trentesima pubblicazione. Mancano tanti nomi importanti, come Samuele Bersani, Loredana Bertè etc.

Le uscite settimanali terminano a maggio 2021, coprendo quello che potrebbe essere un “secondo lockdown”.
Sì, abbiamo visto nel precedente lockdown che c’era una certa affluenza di mercato nei confronti delle edicole, con risultati insperati rispetto alla situazione che si stava vivendo. Questa ci ha dimostrato che la gente, chiusa dentro casa, aveva voglia di ascoltare musica.

I dischi scelti abbracciano artisti e generi molto diversi, da Dalla a Ligabue, da Battiato agli 883. È un progetto che si rivolge proprio a tutti.
È vero, è un po’ la fotografia di trent’anni di musica italiana, dalla musica d’autore ai cantautori e anche espressioni più commerciali. La musica italiana è questo, ha tante facce, una diversa dall’altra, e l’abbraccio è davvero esteso. Dal 1970 al 2000, sono trent’anni pieni di grandi successi, che rispolvereranno la memoria di chi c’era, e anche chi è più giovane può approfondire la conoscenza del disco leggendo le note interne del libretto, che è particolarmente ricco di informazioni rispetto all’anno in cui è stato pubblicato.

Le informazioni su cosa sono centrate?
Sono informazioni riguardo al disco, nell’ottica della discografia di quel singolo artista, ma anche informazioni generali che ripercorrono i fatti più importanti dell’anno in cui è stato pubblicato quel singolo album. Per cui si parla di cinema, cultura, sport, intrattenimento, politica, tutta una serie di riferimenti che possono far ricordare come si viveva in quegli anni, e per chi non c’era è l’occasione per approfondire il tutto, con “piccole chicche”.

Questo progetto è anche una risposta a chi ancora non ha capito che la musica è cultura?
Sì è così, la musica è cultura, è un patrimonio che va salvaguardato, e tramandato intatto in tutta la sua ricchezza. Questo è il nostro compito principale.

C’è un album tra quelli scelti a cui è particolarmente legato?
Io rappresento la Sony Music, e sono particolarmente legato ai primi due capitoli di questa incredibile raccolta, che sono Lucio Dalla, album omonimo del ’79, e Una donna per amico (1978) di Lucio Battisti. Sono dischi straordinari, con cui sono cresciuto, e che mi fa sempre piacere ascoltare. Ci sono anche altri titoli, che non appartengono alla mia casa discografica, ma che in qualche modo hanno segnato la mia vita, come Sotto il segno dei pesci di Antonello Venditti o La voce del padrone di Franco Battiato, o Parsifal, dei Pooh.

Come vive questo momento particolarmente difficile una casa discografica importante come la Sony?
È una situazione complessa. L’impossibilità di realizzare concerti dal vivo è limitante e mortificante, e lo è anche il non poter organizzare incontri con gli artisti nei negozi di dischi, o fare attività promozionali come le conferenze stampa, che come ben sa si riducono in attività streaming. È un momento complesso, che non abbiamo mai sperimentato prima, e ci troviamo a confrontarci con questa realtà durissima, in tempo reale. Spero che questo periodo prima o poi termini, e ci rimetta nella condizione di poter comunicare e rapportarci. La musica è condivisione, e non poterlo fare con le persone è sicuramente un limite molto grande.

I Grandi album italiani (1970 – 2000)

Lucio Dalla (Lucio Dalla) 27/10/2020
Una donna per amico (Lucio Battisti) 3/11/2020
La voce del padrone (Franco Battiato) 10/11/2020
Concerto per Margherita (Riccardo Cocciante) 17/11/2020
Sotto il segno dei pesci (Antonello Venditti) 24/11/2020
Burattino senza fili (Edoardo Bennato) 1/12/2020
Mio fratello è figlio unico (Rino Gaetano) 8/12/2020
Laura (Laura Pausini) 15/12/2020
Via Paolo Fabbri 43 (Francesco Guccini) 22/12/2020
Siamo solo noi (Vasco Rossi) 29/12/2020
Creuza de mä (Fabrizio De André) 5/01/2021
Mina (Mina) 12/01/2021
Buon Compleanno Elvis (Luciano Ligabue) 19/01/2021
Il giorno dopo (Mia Martini) 26/01/2021
Tutto il resto è noia (Franco Califano) 2/02/2021
Profumo (Gianna Nannini) 9/02/2021
Nero a metà (Pino Daniele) 16/02/2021
Pazza idea (Patty Pravo) 23/02/2021
Samarcanda (Roberto Vecchioni) 2/03/2021
Paris Milonga (Paolo Conte) 9/03/2021
Dove c’è musica (Eros Ramazzotti) 16/03/2021
La vita è adesso (Claudio Baglioni) 23/03/2021
Alla fiera dell’est (Angelo Branduardi) 30/03/2021
Hanno ucciso l’uomo ragno (883) 6/04/2021
Mangio troppa cioccolata (Giorgia) 13/04/2021
Zerolandia (Renato Zero) 20/04/2021
Mi fai stare bene (Biagio Antonacci) 27/04/2021
Parsifal (Pooh) 4/05/2021
T’innamorerai (Marco Masini) 11/05/2021
Carboni (Luca Carboni)18/05/2021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome