Code e assembramenti per comprare le scarpe della Lidl, alla faccia del Covid

0

Code, folla nei supermercati e ressa per accaparrarsi l’ultimo paio. È quanto accaduto oggi nei numerosi supermercati Lidl del Paese, la nota catena di discount tedesca, dove dalle 8 di questa mattina sono in vendita le scarpe (e ciabatte, calzini e magliette) col proprio marchio. Clienti chinati uno accanto all’altro, che rovistano in cerca del “prezioso bottino”, in un’isteria collettiva che “manda al diavolo” il distanziamento sociale. I prodotti Lidl se ne “infischiano” anche delle “zone rosse”, in quanto articoli sportivi venduti al supermercato. Si possono quindi comprare anche nelle regioni con maggior restrizioni: una bella “presa per i fondelli” per i negozi di abbigliamento costretti a tenere le serrande abbassate.

Questa estate i vestiti della Lidl erano già usciti in Germania, Gran Bretagna, Belgio, Finlandia. Un successo incredibile, con prodotti andati letteralmente a ruba. A riscuotere un consenso particolare erano state proprio le sneaker (come tutti gli articoli, in edizione limitata), diventate un articolo da collezione. Le scarpe, vendute nei supermercati a 13 euro (12,99), erano state comprate in blocco e poi rivendute a cifre esorbitanti su internet (fino a 2000 euro).

Anche in Italia la follia si è ripetuta, con gente in fila dall’alba (o addirittura dalla sera prima), pur di riempire il carrello, nella speranza di fare “fortuna”. Poco importa per gli assembramenti in piena regola, alla faccia del Covid. Segno che questo 2020 non ci ha insegnato davvero nulla.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Maria Francesca Troisi
Campana verace, trascorre gli anni degli studi tra Salerno, Milano e Roma. Appassionata da sempre di scrittura e musica, matura negli anni diverse esperienze nel campo dell’informazione e spettacolo, ricoprendo il ruolo di giornalista, blogger e ufficio stampa per siti di musica, quotidiani, e associazioni culturali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome