Elisa ringrazia Ligabue: tra noi si tratta di magia

0
Renata Roattino @Jhonninaphoto

Proprio questa mattina Luciano Ligabue ha reso noto il nome dell’artista che lo accompagnerà nell’attesissimo duetto contenuto in 7. Si tratta di Elisa che canterà insieme a lui Volente o nolente.

Il rocker di Correggio ha sottolineato che il brano sarà il primo duetto inserito in un suo album di inediti e ha raccontato di aver scritto la canzone in questione già 15 anni fa, proprio pensando alla Toffoli. La particolarità della storia però sta nel fatto che, giá all’epoca, lei l’aveva ascoltata e interpretata nello studio di registrazione di Correggio. La traccia vocale di quella registrazione è stata conservata ed è inserita nella versione del brano, riveduta e riarrangiata, che ascolteremo a partire dal 20 novembre.

Come i fan più affezionati ricorderanno, questa non è la prima canzone che lega Luciano ad Elisa: proprio nel 2006 i due avevano cantato insieme Gli ostacoli del cuore e nel 2014 il Liga aveva regalato all’artista friulana A modo tuo. Brano che lui stesso ha poi interpretato e registrato l’anno successivo.

Un filo rosso di emozioni, musica e parole esiste quindi fra i due artisti e la Toffoli ha voluto ringraziare Luciano per questo terzo importante regalo con un dolcissimo e potente messaggio social.

Di seguito le parole di Elisa:

“Ligabue ti ho ringraziato quando è arrivato il primo regalo, ti ho ringraziato per il secondo e mi sono sentita molto fortunata…
Adesso è arrivato il terzo e ormai mi dico che si tratta di magia.
Quel lontano pomeriggio a Correggio nel tuo studio ne avevo cantate due, una era Ostacoli e l’altra era questa. Delicata e potentissima allo stesso tempo… era una melodia grande ma semplice, e le parole vere come specchi.
Adesso esce e sento tutta la distanza, tutti gli anni, tutte le note e la vita in mezzo.
Hai voluto tenere la mia voce che avevamo registrato insieme quel giorno, e questa scelta rende tutto più potente e più struggente.
Sono felice che sia andata così, e penso che a volte l’Universo vada a proteggere e a guidare le cose, come se sentisse i nostri pensieri più profondi.
Mi dico che ad alcune canzoni che escono mi viene da parlargli, mi sembra che abbiano le gambe per camminare e che abbiano il loro destino e il loro viaggio davanti, già scritto.
Ogni volta che le incontro mi sembra di vedere qualcosa che viene da un altro mondo.
Perchè non me le spiego mai del tutto.
Questa è una di quelle, e come le altre tue che canto e che ho cantato, mi entra dentro e mi attraversa anche se non ho scritto nè parole nè musica ma ho la meraviglia e la fortuna di prestarle la voce.
Volente o nolente presto sarà vostra”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome