Effetto Truffaut, 11 film del grande regista francese. Su Raiplay

Omaggio ad uno dei grandi maestri della Nouvelle Vague

0

 

https://www.raiplay.it/collezioni/effettotruffaut

Le pellicole, in versione integrale e restaurata, in doppia lingua

È il 1951 quando un giovane di belle speranze, innamorato del cinema, entra per la prima volta in un piccolo appartamento parigino al numero 146 degli Champs Élysées, sede della rivista Cahiers du Cinéma. Il ragazzo diciannovenne si chiama François Truffaut, ha avuto un’infanzia difficile, ha conosciuto il riformatorio e ha praticato mille mestieri. Ma è in questo appartamento che troverà la sua strada, inizialmente sotto l’ala protettiva del grande critico André Bazin, per poi aderire a quella corrente cinematografica rivoluzionaria, la nouvelle vague, insieme ai colleghi Godard, Rivette, Rohmer ed altri, duri oppositori del cinéma de papa, dei Delannoy, Duvivier, Autant-Lara, Carné, accusati di genericità e di realismo psicologico e di una totale mancanza di riferimenti etici ed estetici che saranno invece le caratteristiche principale del nuovo movimento. Dal 1955 al 1959 il futuro regista scrive recensioni spesso ferocissime su Cahiers du Cinéma, ma la sua aspirazione è quella di passare dietro la macchina da presa.

I 400 colpi
Tirate sul pianista

Nel 1959 il suo primo lungometraggio I 400 colpi viene presentato al Festival di Cannes, storia di un quattordicenne ribelle di nome Antoine Doinel, interpretato da Jean- Pierre Léaud, che si ribella al mondo crudele degli adulti. Il film, vincitore del palmares per la miglior regista e manifesto ufficiale dei registi della Nouvelle Vague, ottiene un successo senza precedenti di pubblico e di critica e il personaggio di Antoine Doinel, quasi un alter ego del cineasta, sarà al centro di altri quattro film.
Nel 1960 François gira Tirate sul pianista, pellicola ingiustamente tra le meno conosciute che si rifà al classico cinema nero americano degli anni Quaranta; le peripezie di un musicista (l’ottimo Charles Aznavour) implicato suo malgrado in una diatriba tra gangsters.

Jules e Jim

Nel 1963 tocca al capolavoro, Jules e Jim, ambientato tra il 1912 e il 1918. Due giovanotti della buona borghesia, Jim (Henri Serre), francese dandy e Jules (Oskar Werner), un tedesco generoso e tenero, si innamorano di Catherine (Jeanne Moreau), una donna libera e indipendente. Lei sceglie Jules, ma lo scoppio della prima guerra mondiale costringe i tre a separarsi. Nel 1918 in un clima di pace e di serenità Jules e Catherine diventati marito e moglie e genitori di una bambina, vivono in campagna. Il loro rapporto è però in crisi e così l’arrivo Jim cambia le cose. Il menage à trois prosegue tra ripensamenti, attese, lettere e nuove promesse d’amore per poi concludersi tragicamente. Tratto da un romanzo di Henri-Pierre Roché, l’opera è una riflessione sul rapporto tra uomo e donna negli anni Sessanta (“la coppia forse è un’istituzione superata- afferma Truffautma al momento non vi sono altre alternative”).

La calda amante
Baci rubati

Nel 1964 gira il noir La calda amante, storia di un triangolo amoroso che finirà tragicamente. Nel 1968 arriva sugli schermi Baci rubati, protagonista Antoine Doinel, che ritornato dal servizio militare, ritrova la sua ragazza Christine, ma fa fatica a esprimerle il suo amore.  Un giorno mentre i due fidanzati sono seduti su di una panchina si avvicina un uomo misterioso che dichiara alla giovane il suo amore eterno. Poi se ne va e Antoine e Christine turbati si allontanano al suono della canzone Que reste-t-il de nos amours? di Charles Trenet.

Le due inglesi

Del 1971 è Le due inglesi, tratto dal romanzo di Henri-Pierre Roché, ambientato agli inizi del Novecento, con il solito Jean-Pierre Léaud nei panni di un giovanotto francese conteso sentimentalmente da due sorelle inglesi in Cornovaglia. Un’opera nella quale Truffaut sembra dirci che la vera felicità amorosa dura sempre pochi attimi fuggenti, ma quando arriva non bisogna lasciarsela scappare…

Mica scema la ragazza

L’anno dopo tocca a Mica scema la ragazza!,  una divertente commedia nera incentrata su di una giovane all’apparenza timida ed indifesa, ma in realtà delinquente ed assassina.

L’amore fugge
L’ultimo metrò

Nel 1979 è la volta di L’amore fugge, quinto e ultimo capitolo delle avventure di Antoine Doinel e del 1980 è lo splendido film sul teatro e sulla vita, L’ultimo metro, ambientato durante l’occupazione tedesca a Parigi; la vicenda di un regista ebreo perseguitato e costretto a nascondersi nella cantine del teatro e di sua moglie, un’attrice famosa che si innamora di un giovane e brillante attore.

La signora della porta accanto

Nel 1981 gira La signora della porta accanto, intenso melodramma sulla passione amorosa e una delle sue pellicole più amate dal pubblico e dalla critica. Due ex amanti si ritrovano vicini di casa dopo alcuni anni e scoprono che il loro amore non si è ancora spento.

Finalmente domenica!

Nel 1983 arriva sugli schermi l’ultima fatica cinematografica diretta dal regista prima della sua prematura scomparsa: Finalmente domenica!, un giallo girato nello stile della vecchia Hollywood che vede la segretaria di un uomo d’affari (Fanny Ardant) trasformatasi in detective per salvare dall’accusa di omicidio il suo principale (Jean-Louis Trintignant), di cui è innamorata.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome