Covid: a Napoli c’è il “tampone sospeso” per chi non può permetterselo

0

Se devi fare il tampone e non hai i soldi per pagarlo, c’è il “tampone sospeso”. Succede a Napoli (Rione Sanità), con l’iniziativa promossa dall’associazione Sanità Diritti in Salute e la Fondazione San Gennaro.

Prendendo spunto dall’usanza partenopea del “caffè sospeso”, ossia la pratica di offrire un caffè a chi non può permetterselo, da martedì scorso, all’interno della basilica di San Severo fuori le mura, è partita una campagna di Covid- screening. Alle persone meno abbienti è offerta, previa prenotazione (numero dedicato 3792151320), la possibilità di sottoporsi al “tampone solidale” al costo di 18 euro, invece dei 50 e anche 80 dei laboratori privati. La spesa sarà completamente azzerrata grazie alla generosità di chi supporterà il progetto, con il “tampone sospeso”, permettendo di fare l’esame a chi non può permetterselo.

L’idea è di Angelo Melone, presidente di Sa.Di.Sa, che sostiene l’importanza di uno screening di massa per individuare i positivi e controllare la risalita del contagio. L’iniziativa mira a coinvolgere anche il mondo dello spettacolo e dello sport, con un contributo a sostegno della causa.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome