24 novembre 1948, esce Ladri di biciclette

0

Per i non-italiani, è forse il film italiano per eccellenza. In tutte le classifiche internazionali, Ladri di biciclette, capolavoro di Vittorio De Sica, risulta sempre essere tra i primi 20, se non tra i primi 10, per influenza sul mondo del cinema. Innumerevoli i registi che hanno dichiarato di ispirarsi a questo capolavoro.

Storia stranota, Ladri di biciclette esce nel dopoguerra esattamente 71 anni fa, durante i primi mesi della Repubblica: Roma ancora appare stravolta dalla guerra, con le macerie spesso a vista. Vittorio De Sica è già famoso (Sciuscià è uscito nel 1946) ed è considerato, insieme a Rossellini, il padre del neorealismo.

In realtà, questo film nasce per essere un po’ meno neorealista del previsto: David O. Selznick, mitico produttore USA di Via col Vento e del primo King Kong, aveva deciso di produrlo in grande stile, e il protagonista avrebbe dovuto essere Cary Grant o Henry Fonda. Alla fine, invece, prevale la scelta degli attori non professionisti (osteggiata dalle majors) e addirittura De Sica dovette farsi finanziare da amici per poterlo realizzare. Certo, il mondo del cinema avrebbe preso tutt’altra strada, ma intanto Ladri di biciclette conquista un Oscar onorario 2 anni dopo, proprio come Sciuscià, e da lì in poi, viene istituito il premio al Miglior Film Straniero.

Altre ricorrenze

  • 1948, nasce Emir Kusturica, regista e musicista serbo
  • 1960, muore Pat Morita, attore nippo-statunitense, Arnold di Happy Days e il maestro Miyagi di The Karate Kid

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome