Torna Pino Vita Accidentale di un anarchico

Martedì 15 dicembre 2020 alle ore 18.00 in Piazza Fontana a Milano sarà proiettato il documentario animato di Claudia Cipriani

0
Foto film Pino Vita accidentale di un anarchico

Martedì 15 alle 18.00 in Piazza Fontana In occasione dei 51 anni dalla scomparsa di Giuseppe Pinelli

È passato un anno dalle ricorrenze per il 50/mo anniversario dalla morte di Giuseppe Pinelli, un anno dalla prima proiezione di Pino Vita accidentale di un anarchico a Palazzo Marino e dalle successive proiezioni nei cinema, festival, scuole, associazioni.  Il film, scritto da Claudia Cipriani con Niccolò Volpati  e le figlie di Pinelli,  Claudia e Silvia, torna a rendere omaggio alla sua vita, ai suoi affetti e ai suoi ideali. Un racconto filtrato dai ricordi che comincia nel 1969 quando le bambine avevano 8 e 9 anni e si conclude il 9 maggio del 2009, il giorno in cui la famiglia è stata ricevuta dal Presidente Giorgio Napolitano che, in quell’occasione, definì Pinelli “la diciottesima vittima” della strage di Piazza Fontana. Pino Vita accidentale di un anarchico viene riproposto in proiezione pubblica garantendo il distanziamento previsto dalle normative proprio nel luogo della strage .
Quando stavamo lavorando al film ci immaginavamo di poterlo proiettare in Piazza Fontana – dichiara Niccolò Volpati, autore e produttore del film – È quella la collocazione più adeguata e farlo la sera del 15 dicembre, anniversario della morte di Pinelli, è il nostro contributo alla battaglia per la verità e la giustizia che dura da 51 anni. Il film suscita sempre molto dibattito, per questo non vediamo l’ora di poterlo proiettare ancora in presenza. La proiezione in Piazza Fontana è la prima di queste occasioni”. Al termine del film, alle 19.15, seguirà una cantata collettiva in ricordo di Giuseppe Pinelli. In attesa che la pellicola prosegua il suo percorso nei cinema e nelle scuole, “Pino” è visibile su https://vimeo.com/ondemand/pino (euro 6). Il ricavato dello streaming servirà per sostenere le spese di doppiaggio in varie lingue, tra cui l’esperanto, la lingua universale che anche Giuseppe Pinelli conosceva e contribuiva a diffondere.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Vimeo framework abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Pierfranco Bianchetti
Pierfranco Bianchetti , giornalista pubblicista e socio del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani è laureato in Sociologia a Trento. Ex funzionario comunale, responsabile dell’Ufficio Cinema del Comune di Milano, ha diretto n l’attività del Cinema De Amicis fino alla chiusura nel 2001. Ha collaborato a Panoramica – I Film di Venezia a Milano, Locarno a Milano, Il Festival del Cinema Africano; Sguardi altrove; ha scritto sulle pagine lombarde de l’Unità e de Il Giorno, Spettacoli a Milano, Artecultura, Top Video; Film Tv; Diario e diversi altri periodici. Attualmente scrive per Cinecritica, collabora a Riquadro.com e cura il sito lombardo del SNCCI. Ha realizzato rassegne e cicli sul tema “Cinema e Storia” presso il “Civico Museo di Storia Contemporanea” di Milano e la Biblioteca Civica di Via Oglio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome