Giuliano Sangiorgi al Punto Luce di Roma: “Tutti i sogni possono realizzarsi”

0
negramaro save the children
Foto da account Instagram ufficiale @giulianosangiorgi_official

Giuliano Sangiorgi ha fatto visita al Punto Luce di Roma. Il motivo? Quest’anno i Negramaro si sono uniti ad Amazon.it per supportare Save the Children e il progetto “Riscriviamo il futuro”.

Così, Giuliano Sangiorgi ha deciso di consegnare personalmente alcuni regali ai bambini e agli adolescenti del centro romano, in cui svolgono attività scolastiche, sportive e creative, come la musica. Un modo per sperimentare, conoscere e capire le proprie passioni e sviluppare i loro talenti.

Ecco cosa ha consigliato il frontman dei Negramaro ai ragazzi del Punto Luce di Roma: “Quello che avete appeso sui muri (indicando i disegni n.d.r.) in realtà sono i vostri sogni, sono i vostri desideri. Però, sono tutti realizzabili”.

Non sono mancate le domande, sia da parte di Giuliano Sangiorgi che del giovane pubblico. Per esempio, l’artista ha chiesto ad una ragazza cosa volesse fare da grande, mentre a lui è stato chiesto il perchè del nome Negramaro e come si fosse sentito la prima volta che è andato ad un concerto.

A quest’ultima domanda, ha risposto intonando con una chitarra le parole della canzone Meraviglioso di Domenico Modugno (la band aveva rivisitato questo pezzo nel 2008).

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome