Natale in casa Cupiello, con Eduardo De Filippo: in onda su Rai 5

38

La Rai cambia la sua programmazione, e a pochi giorni dal film tv con Sergio Castellitto, ripropone per Santo Stefano Natale in casa Cupiello, con Eduardo De Filippo. Si tratta della versione più conosciuta dal pubblico, registrata nel ’76, e andata in onda in TV nel ’77, con un cast eccellente in stato di grazia, a cominciare da Eduardo, certo, ma non solo.

Una straordinaria Pupella Maggio veste i panni di Concetta, mentre in quelli di Tommasino (detto Nennillo) troviamo proprio il figlio di Eduardo, Luca De Filippo. L’esordiente Lina Sastri interpreta Ninuccia, mentre Marzio Honorato, volto amato della soap di Rai tre, Un posto al sole, recita nei panni di Vittorio, amante di Ninuccia. Un parterre inarrivabile, in cui nessun attore sembra recitare la sua parte, ma essere parte reale della scena, grazie a un feeling incredibile, e una capacità interpretativa eccezionale.

Dove vederlo
Se il film andato in onda lo scorso 22 dicembre è stato sommerso da polemiche e critiche, questa volta la Rai va sul sicuro: il 26 dicembre su Rai 5, intorno alle 15:30, va in onda la trasposizione più amata del capolavoro eduardiano.

Curiosità
Forte del successo di ascolti del film con Castellitto, il regista Edoardo De Angelis sta già lavorando su altre due commedie di Eduardo. Non ti pago (data per certa) e Questi Fantasmi o Mia famiglia. Gli indizi portano a una riconferma del cast tv di Natale in casa Cupiello: manca solo l’ufficializzazione. Speriamo che questa volta l’omaggio tenga fede allo spirito originale dell’opera eduardiana, e non stravolga nuovamente le caratteristiche dei personaggi. Perché si può puntare sulla curiosità solo una volta.

Lo sapevate?
Del cast targato ’76 (in TV nel ’77), fanno parte, con piccoli ruoli, anche Marisa Laurito e Marina Confalone. Quest’ultima, nel film tv diretto da Edoardo De Angelis, veste i panni di Concetta.

Potete rileggere la recensione del film tv e le curiosità sulla commedia sul nostro sito. https://www.spettakolo.it/2020/12/23/il-natale-in-casa-cupiello-di-castellitto-e-senza-anima/

https://www.spettakolo.it/2020/12/21/natale-in-casa-cupiello-il-confronto-con-eduardo-de-filippo-curiosita-in-attesa-del-film-rai/

38 COMMENTI

  1. Finalmente il vero Natale in casa Cupiello. Mi dispiace per Castellitto, ma non mi è piaciuto per niente. Nemmeno gli attori, eppure bravi. Poi non ho capito come mai in una casa povera, Lucariello, vestiva cappotti di lusso. Cmq come pure le opere liriche, quando vogliono portare modernità, li rovinano. Natale in casa Cupiello, deve essere interpretato solo da Edoardo De Filippo.Nessuno può sostituirlo.

    • Non credo che nessuno possa provarci….Raniero ci ha provato con Filomena Marturano con la eccelsa Anna Melato…anche lì un bluff….spero solo che le teche Rai conservino con cura queste commedie

  2. Non mi è piaciuto per niente. Non ha rispettato lo spirito del personaggio… Eduardo era pacato, calmo, “napoletano” con tempi, ritmi, sguardi, non detto tipici della napoletanita’. Castellitto è violento, esagerato. Non ha saputo rendere la pacatezza, la delicatezza anche del personaggio…. Deve ancora nascere un’altro Eduardo.

    • Concordo pienamente con te! Castellito è apparso a volte troppo sopra le righe. Eduardo invece riusciva ad essere “arrabbiato con dolcezza”. Sembra un ossimoro ma secondo me questa è stata la sua grandezza. Un bravo agli attori ma…

  3. In questi giorni ho letto molti commenti negativi sulla versione andata in onda con Castellito. Comprendo le ragioni di chi non ha gradito ma voglio fare notare che il numero dei telespettatori, quasi 6 milioni, è stato sostenuto da tantissimi giovani tra cui le mie 3 figliebche non hanno cambiato canale. Adesso vogliono vedere anche la versione originale e vi assicuro non l’avrebbero vista in prima battuta nella versione bianco e nero. Evviva Edoardo e la sua commedia in qualunque versione.

    • Certo, a chi non ha visto l’originale può piacere anche la copia. Ai giovani bisogna far vedere prima gli originali, poi le copie e solo dopo tirare le somme. Io vidi il grande Eduardo a teatro ne “Il berretto a sonagli” ed era un grande. Vedere il suo personaggio di Natale in casa Cupiello completamente stravolto non è stato bello. Il discorso vale anche per gli altri 6 milioni. È la cultura, che non c’è più è la gente si accontenta

  4. De Filippo e’ stato un regista, attore, ideatore, scrittore, maestro, filosofo, critico, poeta indiscuribile. Stupendo !!!

    De Angelis e’ stato un grande nell’interpretare un opera storica. Costumi diversi, recitazioni favolose, coreografie stupende, attori superlativi ……… non e’ arrivato il segnale che voleva trasmettere Edoardo ? Ma Enzo Avitabile non via ha detto nulla ? Con la sua canzone che dire commovente e’ poco !!

    Lo spirito di Napoli resta nel tempo come un angelo che vola nel cielo da tempi remoti e mai si fermera’ in modo cristallino.

    Edoardo ha scritto per lasciare l’acuta osservazione dei valori umani della Napoletanita’, universale in tutta la cultura del sud . Non era sua intenzione cristallizzare la sua immagine …. Questo e’ il mio modesto pensiero .

  5. Eduardo insuperabile! La versione cinematografica seppur rappresentata da attori bravi non ha emozionato perché è mancato lo “spirito” napoletano fatto di pacatezza e trasmissione di amore…sì, amore che si percepisce, invece, nel modo di vivere del comune cittadino napoletano anche laddove, per paradosso, si vede l’azione litigiosa o a volte, addirittura violenta.

  6. Eduardo e’ inarrivabile. Ogni paragone con chi si e’ cimentato con le sue opere e’ improponibile. Nessun personaggio delle sue straordinarie commedie e’ fuori posto, tutti sono incredibilmente bravi perche’ scelti e diretti con maestria. De Filippo ha scoperto e forgiato attori meravigliosi, in un’epoca ancora non inquinata dalla TV, dove, per fare cassetta, si inseriscono attori nemmeno buoni per un festa di paese.

      • Gli esperimenti non si fanno con i nostri soldi,tutti sapevano che sarebbe stato un tonfo stellare,Castellitto non sarebbe mai potuto entrare nella vera napoletanità di un tempo,Eduardo P orgeva la sua arte da grande maestro,io non lo ho nemmeno guardato,il risultato era scontato,ma sentivo le urla di Castellitto piene di rabbia!PROPRIO NO UN DOPPIO MOTIVO PER NON PAGARE UN CANONE RUBATO,PESSIMA RAI DI REGIME!

  7. Deludente il remake con Castellito.
    L’unico su cui avrei puntato per riprodurre almeno in parte la maschera e l’arte del mito Eduardo, è Massimo Ranieri, sia per la sua napoletanità indiscussa , sia per quel tipico volto un po scavato partenopeo. Oltre ovviamente alla sua grande capacità di recitazione prettamente teatrale.

  8. Infatti ognuno è libero di riproporre qualsiasi testo secondo la propria sensibilità, ci mancherebbe altro…Castellitto e gli altri tutti ottimi attori…poi ognuno giudica secondo il proprio gusto

  9. Anziché fare un film ibrido e scostumato, ne carne ne pesce, sarebbe stato meglio costruire un’altra storia sul Natale in famiglia ambientata in altra città italiana e recitata in italiano. Con dedica all’inimitabile Eduardo.

  10. Nessun paragone è possibile con il grande Eduardo. Bisogna accettare che esistano nuove versioni , prima o poi nascerà l’interprete giusto che rispecchierà il Maestro.

  11. Non è questione di somiglianza o meno;lo scontro Eduardo vs Castellitto non si pone come lui stesso ha detto;è stato proprio lì l’errore di Sergio, voler assomigliare…secondo me lui è proprio mancato nella recitazione, troppi borbottii, grugniti,tempi sbagliati che il Grande non aveva. PURTROPPO molti napoletani sono attori nati,Napoli è un teatro all’aperto, manca a Sergio quella napoletanità di base…lo stesso Ranieri non è ben riuscito in parti Eduardiane.

  12. edoardo era una grande persona…nelle sue commedie sprigiona tutto il suo amore per il prossimo…un insegnamento, umano,sociale…infinitamente grande. vorrei tanto che fosse divulgata la sua grandezza….nel mondo. intanto fatecelo godere un po’ di piu’…sopratutto in tv…grazie…graziee ancora grazie….in attesa…

  13. Chi come me, ha avuto la fortuna di vedere Natale in casa Cupiello al San Ferdinando con Eduardo, non può accettare nessun paragone.
    È come aver visto Maradona e lo si vuole paragonare a Messi. Sono ina vicinabili.

  14. Sono una grande amante della commedia di Eduardo e ringrazio la RAI che ultimamente ha trasmesso in tv buona parte delle sue rappresentazioni. Ovviamente non potevo perdermi la versione cinematografica di Natale in casa Cupiello con Castellitto. L’ho guardata con interesse anche se ovviamente non c’è paragone con quella di De Filippo
    L’ho vista come un ulteriore omaggio al grande maestro e l’ho accettata così senza polemiche così come ho guardato tempo fa “Il sindaco del rione Sanità ” rappresentata da altri attori e in versione più moderna.
    Spero che la RAI ci regali ancora i grandi capolavori di Eduardo e tanta altra prosa.

  15. Deludente la prova di Castellitto bravo attore ma qui sinceramente fuori ruolo! Senza emozioni e sentimenti cast al di sotto di ogni aspettativa per chi come me ama il teatro! Spero che i progeti. di realizzazione di altre opere di Eduardo da parte dello stesso regista
    rivedano interpreti ed impianto sceografico ed ambientazione narrativa e psicologica! Un ricordo di merito per Luca De Filippo che ci ha lasciato ormai da alcuni anni e che è stato dimenticato. e non apprezzato adeguatamente!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome