Greta Van Fleet: «Camminiamo insieme verso le stelle»

0
greta van fleet heat above nuovo singolo
Foto di Alysse Gafkje

I Greta Van Fleet presentano al pubblico Heat Above, terzo singolo che anticipa l’album The Battle at Garden’s Gate in uscita il prossimo 16 aprile.

Ecco cosa ha detto Sam Kiszka, bassista e tastierista dei Greta Van Fleet, a proposito dell’ultimo singolo: “C’è ancora molto amore nel mondo sebbene non sembri così ed è proprio questo ciò che racconta ‘Heat Above’, il cammino verso le stelle insieme”.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Prodotto da Greg Kurstin, lo stesso di Paul McCartney, Foo Fighters e Adele, The Battle at Garden’s Gate è il secondo disco per la band che nel 2019 si è aggiudicata un GRAMMY Award.

Questo nuovo progetto si presenta sotto forma di meditazione sul loro viaggio nel presente, tradotto dai suoni di 12 brani “esplorativi” che invitano l’ascoltatore a fermarsi e riflettere su temi come la libertà, il self-empowerment, il potere della comunità e il rispetto per la Madre Terra.

Questi racconti confermano lo stile che fin da subito ha contraddistinto la giovane band nel panorama musicale tanto da muovere confronti, da parte della critica e no, con gruppi che hanno scritto la storia della musica, tra cui i Led Zeppelin.

D’accordo o meno, i Greta Van Fleet sono riusciti, e a non restare intrappolati, ad andare oltre la folle di adolescenti che improvvisano concerti, concentrandosi su un percorso di crescita artistica che li ha portati a sostenere un importante tour e a scalare le classifiche.

The Battle at Garden’s Gate: tracklist

  1. Heat Above
    2.  My Way, Soon
    3.  Broken Bells
    4.  Built by Nations
    5.  Age of Machine
    6.  Tears of Rain
    7.  Stardust Chords
    8.  Light My Love
    9.  Caravel
    10. The Barbarians
    11. Trip the Light Fantastic
    12. The Weight of Dreams

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome