#Sanremo2021: i tweet più irriverenti della prima serata

0

Se negli ultimi anni – con il boom di Twitter, Instagram e Facebook – sono stati i social ad andare verso Sanremo, per il 2021, come c’era da aspettarsi, è Sanremo ad essere andato verso i social. Nel mondo post-pandemia la rete ha acquisito un ruolo fondamentale in tutte le cose della quotidianità: la DAD, lo smart working, le videochiamate. E poteva forse non essere lo stesso per il Festival della canzone italiana?

Mai come quest’anno infatti le tastiere sono caldissime.

Per la prima serata i commenti arrivano da tante celeb che non possono essere sedute in platea ma soprattutto da moltissimi affezionati spettatori, che – con gli apprezzamenti, le battute e le critiche – riescono perfettamente a fotografare gli umori dopo le singole esibizioni. E diventano, quindi, degni sostituti della galleria assente all’Ariston.

A conquistare subito il pubblico dei social è il capocomico di Sanremo, Fiorello: il mantello fiorato con cui fa il suo esordio sulla scena, è una mise che convince tutti e qualcuno posta la sua foto e accanto scrive: “io che mi vesto in maniera poco appariscente quando mi dicono che nel locale in cui andiamo ci sarà il ragazzo che mi ha rifiutato alle medie”.

Quando il papà del Karaoke corre divertito tra le poltrone vuote dell’Ariston, poi, qualche cinefilo twitta: “Ecco come sarò io appena riapriranno i cinema”.

L’immagine del parterre desolato a cui Amadeus e Fiorello si rivolgono scherzosamente, diventa subito virale e c’è anche chi decide di riempire le sedute con photoshop. Alba Parietti, Maria Venier e tanti altri vengono virtualmente trasferiti sulle poltrone dell’Ariston. Ma il montaggio più bello coinvolge un volto noto d’oltreoceano. Da solo seduto a Sanremo c’è proprio lui: Bernie Sanders.

Come sempre a colpire nella serata d’esordio più che le canzoni sono le mise. A fare il punto soprattutto sulle donne dell’Ariston è Enzo Miccio. Arisa è un ni: “Rosso di sera @ARISA_OFFICIAL ci spera! Nonostante quel matterello la sua voce riempie il cuore <3”scrive il maestro di stile. La lucana che porta all’Ariston una canzone di Gigi d’Alessio in effetti ha sfoggiato una strana acconciatura con un tubo metallico tra i capelli e Miccio pare non aver gradito. Acconciatura bocciata anche per la co-conduttrice della prima serata Matilda De Angelis “Che orrore…  una melanzana pronta per una parmigiana… coi fiocchi! Matilda mia non ci siamo!”.

Il conduttore di Ma come ti vesti?  promuove invece a pieni voti Noemi: “Eri già bella adesso sei pazzesca cara @noemiofficial brilli più del tuo abito! Voto 9”. La rossa romana che porta sul palco dell’Ariston  Glicine, convince anche Antonella Elia che twitta: “#Noemi è sempre strepitosa. Magica. Lei e il brano”.

In effetti l’abito di Noemi, una creazione di Dolce e Gabbana tempestata di Swarovsky, non passa inosservata e piace anche al pubblico. In tanti paragonano l’artista dalla voce graffiante a due personaggi dei cartoon: c’è chi la accomuna all’algida sirenetta Ariel che esce il dalle acque del mare con il suo abito di glitter e chi, invece, la vede simile a una provocante Jessica Rabbit. In ogni caso Noemi convince  e piace, e non solo per lo stile: la sua canzone chiude la serata al secondo posto della classifica provvisoria.

I commenti non mancano però anche sugli outfit maschili: Colapesce e Dimartino sono i più bersagliati nei loro completi lilla e azzurro. Nell’ordine vengono paragonati a due evidenziatori stabilo, due outfit pastello della regina Elisabetta e addirittura Beyoncè e Jay-Z vestiti proprio delle stesse tonalità dei due cantautori in un celebre video. Il commento migliore però riguarda Paola Fraschini che li accompagna con una coreografia sui rollerblade. Qualcuno durante l’esibizione cinguetta: “Ma la pattinatrice chi è? La nipote della vecchia che balla dello Stato Sociale?”.

A non passare inosservato per la mise è anche Max Gazzè, che sale sul palco vestito da Leonardo da Vinci. C’è chi  confonde il tributo al genio italico con quello a un mago famoso che ci ha tenuto compagnia nella #MaratonaHarryPotter durante il lockdown:  “Non sapevo che Albus Silente facesse Sanremo quest’anno”. E poi, ironizzando sulla lunghezza proverbiale del Festival e sulla lunghissima barba di Gazzè qualcun altro scrive: “Ecco come sarò quando Sanremo 2021 sará finito”.

Alessia Marcuzzi, da sempre spettatrice di Sanremo per questa prima serata commenta poco, ma sul finale  fa un timido endorsment a Ghemon e scrive: “My fav<3”…per ora”. L’artista partenopeo convince anche Rocco Tanica che si sbilancia di più della Pinella e cinguetta: “Se anche @Ghemon donasse metà della melodia a certi colleghi un po’ carenti, gliene resterebbe una tonnellata”.

L’artista in gara più commentato però è uno, il re dei social: Fedez. A fine serata il suo nome risulta citato in 37.500 tweet. Le interazioni che lo riguardano sono partite nel pomeriggio, dopo un post pubblicato proprio dal profilo personale del cantante, in cui si spoilera l’iniziale del bebè numero 2 prossimamente in arrivo: V. Dalle 19 in poi il totonome non ha quindi avuto pausa, ma i post si sono moltiplicati con la comparsa del rapper sul palco.

La tensione per lui è palpabile tanto che il tenore dei tweet è “Ora il livello d’ansia si misurerà in Fedez” o anche “Fedez ha più ansia di me all’esame di diritto commerciale”. I post più teneri però arrivano da Chiara Ferragni che pubblica una storia del piccolo Leone che fa il tifo per papà. E nel suo mini-abito Versace esclama “Ma allora non è la mamma a cantare”. No Leo, sul palco insieme al tuo papà, e legata a lui da un filo che li mantiene uniti anche se a distanza (splendido messaggio nell’epoca della pandemia) c’è una grintosissima Francesca Michielin. Proprio lei, a esibizione finita, twitta: “Teatro vuoto, cuore pieno, in piedi con un nodo alla gola: Sanremo sei sempre una figata! Da stasera Chiamami per nome è tutta vostra. Ed è solo l’inizio”. Anche Fedez scrive il suo messaggio dopo aver cantato: “Vorrei solo sapere se sei orgoglioso di papà” accompagnato da una foto con il suo bimbo.

Non mancano i momenti di commozione anche a casa: Amadeus fa un appello per la liberazione di Patrick Zaki e in tanti si uniscono a lui da casa, tra cui anche Amnesty Italia che ringrazia il direttore artistico per la scelta di portare questo messaggio al Festival.

Un tributo dal palco è rivolto poi al dj Claudio Coccoluto, scomparso proprio questa mattina: insieme all’Ariston lo salutano tanti, giovani e meno giovani, che con lui hanno ballato. Anche Saturnino Celani scrive “Claudio Coccoluto per sempre”.

Tra gli ospiti di questa prima serata a non passare il test è Ibra. Il pubblico giudica lenti i suoi tempi comici e già visti gli sketch a cui prende parte. Valerio Lundini, con la sua solita sagacia, scrive: “Ma questo calciatore perché è così presuntuoso?”. E qualche cinguettatore più cattivello puntualizza sul cachet del giocatore e aggiunge addirittura: “Ma sicuri che con 400.000 euro Lady Gaga non riuscivamo ad averla?”.

Il vincitore della scorsa edizione, Diodato, riporta sul palco la sua Fai Rumore e a cantarla, da casa e nelle Instagram stories, ci sono proprio tutti: dall’attrice Alessandra Mastronardi al collega Cesare Cremonini. Achille Lauro, con la sua esibizione, ottiene invece i complimenti di Stefania Orlando, fresca uscita dal Grande Fratello Vip, che scrive, inequivocabile: “Io amo @achilleidol”. Il Ministro della salute Roberto Speranza invece ringrazia Amadeus e Alessia Bonari – l’infermiera simbolo – e scrive “Il virus si può battere solo con l’impegno di tutti”.

L’ospite più twittata è lei, Loredana Berte. Loredana, oltre a cantare tanti suoi successi senza tempo e il suo ultimo singolo, Figlia di,  sale sul palco con delle scarpe rosse: il simbolo della lotta al femminicidio. La presidente della commissione d’inchiesta sul femminicidio al Senato, Valeria Valente la ringrazia per questo semplice e potente messaggio contro la violenza sulle donne. Il pubblico la adora e le rivolge i messaggi più belli: “Loredana, LA STORIA DELLA MUSICA ITALIANA”, “Loredana Bertè, che energia clamorosa” o addirittura “Possiamo avere la Bertè ospite ogni sera? Grazie”. L’ex ministro per il sud Peppe Provenzano twitta: “Sei bellissima. E sto”.

Il tweet migliore, e anche il più assurdo della serata, è peró quello che arriva dal profilo di uno sconosciuto ragazzo statunitense che sui social risponde al nome di @amadeus. In tanti, già lo scorso anno, lo avevano citato nei loro post credendo che si trattasse del direttore artistico del Festival e la stessa cosa, pare, stia accadendo quest’anno. Le citazioni devono avergli fatto capire che il Festival è ricominciato, perché twitta: “C’è di nuovo Sanremo e il mio alter ego lo presenta. Il che significa che molti adorabili italiani mi stanno menzionando”.

Che dici, Amadeus (fake), è arrivato il momento di scegliere un altro nickname?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome