Davide Shorty: «La paura fa parte della vita. Va accolta, gestita e trasformata»

0
davide shorty sanremo 2021
Foto di Alberto Romano

Suoni di tromba che richiamano la tradizione, note rappate che portano al presente, tra sonorità soul e funk fino a quelle del  cantautorato italiano, Regina di Davide Shorty, in gara nelle Nuove Proposte, ha già conquistato ancor prima del termine del Festival due tra i più importanti riconoscimenti: il Premio Enzo Jannacci NUOVO IMAIE 2021 e il Premio Lunezia per Sanremo 2021 per il valore musical-letterario.

Regina è la canzone dedicata a Cèline, una ragazza conosciuta dopo un concerto in Svizzera, con cui l’artista ha sentito quella alchemica connessione che solo i live sanno creare.

Davide Shorty ha scelto di raccontare la sua storia per renderle omaggio sia come donna che come artista, come lui stesso ha dichiarato è un’attrice, ed era presenta in alcuni momenti della composizione del pezzo.

Per esempio, quando nello studio allestito vicino al Lago Maggiore, scelto pere scrivere i brani del nuovo disco, riascoltando Regina, Davide Shorty ha chiesto alla sua band: “Ragà ma cosa abbiamo fatto? Vi immaginate a portala a Sanremo?”.

Il palco dell’Artiston è arrivato e anche il nuovo album dal titolo Fusion, disponibile da 30 aprile.

Ma, l’attesa non sarà così estenuante perchè a partire da venerdì 5 marzo, potrete ascoltare la prima parte del suo nuovo progetto discografico, Fusion a metà, composto da 7 brani con la partecipazione di Koralle (side project di Godblesscomputers), di Dj Gruff, Gianluca Petrella (trombonista italiano jazzista di fama internazionale), Amir Issaa e Davide Blank.

Davide Shorty, l’intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome