Dark Crimes su Prime

Secondo gli autori un'indagine postmoderna

0

Dark Crimes
di Alexandros Avranas
con Jim Carrey, Robert Wieckiewicz, Agata Kulesza, Charlotte Gainsbourg, Marton Csokas
Dall’8 marzo su Prime

In una Polonia grigioverde mesta e post-tutto, il frequentatore di un locale di celle di tortura sadomaso – La Gabbia– viene trovato strangolato con troppa crudeltà. Il poliziotto Tadek di Jim Carrey (“l’ultimo onesto in Polonia”, forse oggetto di mobbing, forse peggio), scopre che un omicidio così è descritto con minuzia in un romanzo e si mette alle calcagna del romanziere, che sta con un’ex ragazza del locale sadomaso (Gainsbourg) usata e maltrattata  praticamente da tutti. E nessuno sembra aver voglia di aiutarlo. Non si può raccontare come va a finire, anche se lo sviluppo non è inedito. Interessante è il percorso per arrivare al film (che tra l’altro è del 2016), partito da un articolo per il New Yorker di David Grann (l’autore di Civiltà perduta, altro bel film bizzarro)  sul romanziere polacco Krystian Bala, che si prese 25 anni di galera perché un uomo era stato ucciso con le minuziose procedure sadomaso descritte nel suo libro Amok. Bala però era innocente. Solo che si dilettava di filosofia post strutturalista e sosteneva che la verità oggettiva è un gioco linguistico tra i tanti. Tranquilli: nel film del greco Avranas (leone d’argento 2013 per la regia di Miss Violence) la verità non è filosofica e non si diletta di linguistica: nella mestizia generale un po’ troppo insistita il tema ritornante è il consueto “quello che appare evidente non è detto che sia vero” e Carrey ha spostato la sua recitazione da ossesso dal versante comico a quello drammatico che sembrava aver abbracciato anche nella vita privata. La frase che spiega tutto è “la gente non vuole giustizia, vuole il bene e il male, storie pompose e accecanti raccontate con convinzione». Forse sì, però…

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome