Delmoro: «Mi auguro di non perdere mai il senso di fare musica»

0
delmoro-rendez-vou-album-intervista

La voglia di ritrovarsi e connettersi: è questo il filo rosso che unisce i brani del nuovo album di Delmoro, Mattia Del Moro all’anagrafe, dal titolo Rendez-Vous, pubblicato da Carosello Records, e che è stato anticipato dai singoli Lanthimos, Allodole e Aria.

L’album è scritto e composto e prodotto dallo stesso cantautore in collaborazione con Davide Cairo e Matteo Cantaluppi (già produttore di Thegiornalisti, Canova, Dimartino), mentr l’artwork è stato creato da Rachel Bullock.

In occasione di questo nuovo progetto discografico, abbiamo intervistato Delmoro che ci ha raccontato come sono nati i brani di Rendez-Vous e, tra le altre cose, quale peso abbia assunto la definizione “cantautorato”: «La parola “cantautorato” è vecchia e scomoda, perché oggi chi si definisce cantautore sembra che voglia mettersi su un piedistallo. Forse non c’è più bisogno di usarla in un contesto dove anche il genere rap è esploso e si rischia di considerare cantautore solo chi ha riferimenti a quel genere, quindi invece di unire, rischia di dividere».

Ecco la tracklist di Rendez-Vous, mentre più in basso trovate la nostra videointervista:
01. Tra la tua schiena e gli scogli
02. Lanthimos
03. L’importante
04. Allodole
05. Il cielo se ne frega
06. Aria
07. Rivedermi
08. In fondo
09. A tu per tu
10. Casa nuova

Delmoro, l’intervista

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

 

 

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome