Himorta presenta “La carta del fuoco”: «Per la prima volta sono davvero me stessa»

0
himorta-la-carta-del-fuoco

Realtà e fantasia si incontrano dando vita a La carta del fuoco, il primo fumetto di Himorta, Antonella Arpa all’anagrafe, tra le influencer più seguite d’Europa in ambito cosplay, edito da Mondadori Electa.

Il libro sarà in tutte le librerie a partire dal 30 marzo, ma è già disponibile in preorder in tutti gli store on line e su Amazon.

La carta del fuoco nasce dall’incontro dell’idea di Himorta con le illustrazioni create per l’occasione di Stefania Macera, in arte Chocoartist.

Un fumetto che arriva dopo anni in cui la cosplayer si è fatta conoscere dal pubblico grazie ai suoi omaggi ai personaggi del mondo manga, come al suo amato One Piece, dei fumetti, di serie e del cinema.

Inoltre, il suo volto è noto anche per essere la Manga, dal 2016, di Avanti un altro, il programma in onda su Canale 5 e condotto da Paolo Bonolis, dove interroga i concorrenti proprio sul mondo fumettistico.

himorta-la-carta-del-fuoco

Tornando a La carta del fuoco, ecco cosa ha dichiarato l’autrice:

“Sono orgogliosa di poter presentare questo fumetto, per me è un sogno che finalmente si realizza, un’emozione unica e un regalo che voglio dedicare prima di tutto ai mei fan. Non avrei mai pensato un giorno di diventare la protagonista di un fumetto, questo mi riempie il cuore di immensa gioia. Nel corso negli ultimi 6 anni ho interpretato innumerevoli personaggi ma in La carta del fuoco per la prima volta sono veramente me stessa. Oltre alla supereroina troverete molto di me e delle mie passioni quotidiane, dai miei adorati e inseparabili cani sino alla passione per il mondo dello sport, gli eventi e la musica”

In questa prima opera, Himorta diventa un’eroina per combatte poteri oscuri e tutte le conseguenze che ne derivano.

Una missione, quindi, in nome del bene dell’umanità, ma in che modo? Grazie ai poteri conferiti da una semplice, all’apparenza, carta da gioco con sopra disegnata una fiamma, donatagli da Il fan.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Irma Ciccarelli
Classe 93, anno in cui David Bowie pubblica Black Tie White Nois. Campana di nascita, adottata dalla toscana Cortona (sì, la stessa di Jovanotti), da qualche anno vivo a Milano, di cui mi sono innamorata il 29 giugno del 2013. Perché ricordo la data? Perché a San Siro c’erano i Bon Jovi a infiammare il palco, ed io ero lì a sognare di intervistare la band. Ed eccomi qui: giornalista e studente di musicologia, il mio mantra è Long Live Rock, ma guai a chi disprezza i cantautori….e Beethoven (non il cane).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome