Måneskin: «Dicono che non siamo rock? Sticazzi!»

2

Dopo la vittoria al Festival di Sanremo con Zitti e Buoni (già certificato disco d’oro), i Måneskin pubblicano il nuovo album, Teatro d’ira – Vol.I (in uscita venerdì 19 marzo), presentato ai giornalisti in una conferenza stampa via Zoom. Un disco registrato tutto in presa diretta al Mulino Recording Studio di Acquapendente (nel viterbese), che funge anche da location per il collegamento con la stampa.

Il titolo vuole creare un contrasto tra il teatro e l’ira – sottolinea Damiano – non è un’ira distruttiva ma quell’ira catartica che porta a far cambiare le cose. Io poi sono incazzoso, mi sfogo nei brani”, scherza. Prosegue Victoria: “Il nostro obiettivo principale è venuto in seguito a una maturazione, dopo l’esperienza di tour qui in Italia, e poi a livello europeo, e il nostro soggiorno a Londra. Abbiamo sperimentato tantissimo, abbiamo studiato e capito di voler riportare una certa crudezza, senza imporci alcun limite”.

Noi siamo nati live, e continueremo a vivere sempre live – continua Thomas – Siamo partiti dalla strada, in via del Corso (Roma). Quella è stata una scuola per noi, perché il pubblico te lo devi conquistare. E noi abbiamo cercato di conquistarlo essendo sempre noi stessi”.

La “rabbia” del titolo è rivolta a chi non ha mai creduto in loro, e a chi continua a considerarli l’imitazione di una rock band. “Non è nostro interesse incasellarci in una categoria, ovvio che non siamo i Led Zeppelin”, provoca Damiano. “Sono pochi i gruppi della nostra età che suonano questo tipo di musica, ragazzi che suonano strumenti analogici. Noi siamo cresciuti con la musica rock, poi se ci vogliono dire che non siamo rock … sticazzi” rilancia schietta Vic, che rimbalza le risposte con il frontman: “Avere un’identità e portarla in un’ottica mainstream, cantare una canzone del genere al Festival, fare un disco in un periodo simile … ma se non è rock questo, cosa?”

E sulla censura del testo di Zitti e buoni per l’Eurovision, replica sempre il cantante, senza tanti giri di parole: “Non ci ha fatto piacere cambiare il testo, ma l’alternativa era la squalifica. Per noi è più importante partecipare che tenere le parolacce. E’entrato in gioco il buon senso: siamo ribelli mica scemi” .

Nel disco ci sono brani sia in italiano sia in inglese, che toccano anche estremi opposti, incluso il primo singolo, Vent’anni (già platino) e il brano sanremese.

I wanna be your slave (scritto a Londra): “Spero non mi regali le prime denunce – scherza Damiano – Vorrei si andasse oltre le immagini descritte. Certo … si racconta la sessualità delle persone”.

In nome del padre: “E’ l’ultimo che abbiamo scritto. Ha sonorità molto più forti. Non vorrei essere accusato di blasfemia però – sottolinea ancora il frontman – Non è un brano rivolto solo a chi dice che non siamo rock, ma a tutti quelli che non ci “credevano”. Dove andate? Dicevano. A vincere Sanremo!”

Lividi sui gomiti: “E’un modo per portare alla luce tutto quello che c’è dietro il nostro lavoro: sacrifici, studio, impegno, disciplina”.

Coraline: “E’una favola senza lieto fine, come accade spesso nella vita reale – spiega ancora Damiano –una storia vera raccontata come una favola”, che aggiunge poi su La paura del buio: “E’ il rapporto conflittuale tra l’artista e la musica”.

Intanto è Maneskin – mania: esauriti i biglietti per i primi quattro show al Palazzo dello Sport di Roma (14 e 15 dicembre) e al Mediolanum Forum di Assago (18 e 19 dicembre), a cui si aggiunge un terzo concerto al palazzetto di Milano, previsto per il 22 marzo 2022. “Siamo felici di tutte le date sold out – commenta Victoria – non vediamo l’ora di suonare dal vivo”.

Ecco un estratto della conferenza stampa con mini live.

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Google Youtube abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

La band ha annunciato oggi anche le nuove date (come anticipa la nostra Intervista ) con chiusura all’Arena di Verona il 23 aprile 2022.

CALENDARIO TOUR

Martedì 14 dicembre 2021 || Roma @ Palazzo dello Sport – SOLD OUT
Mercoledì 15 dicembre 2021 || Roma @ Palazzo dello Sport – SOLD OUT
Sabato 18 dicembre 2021 || Assago (MI) @ Mediolanum Forum – SOLD OUT
Domenica 19 dicembre 2021 || Assago (MI) @ Mediolanum Forum – SOLD OUT
Domenica 20 marzo 2022 || Casalecchio di Reno (BO) @ Unipol Arena – NUOVA DATA
Martedì 22 marzo 2022 || Assago (MI) @ Mediolanum Forum – NUOVA DATA
Sabato 26 marzo 2022 || Napoli @ PalaPartenope – NUOVA DATA
Giovedì 31 marzo 2022 || Firenze @ Nelson Mandela Forum – NUOVA DATA
Domenica 3 aprile 2022 || Torino @ Pala Alpitour – NUOVA DATA
Venerdì 8 aprile 2022 || Bari @ PalaFlorio – NUOVA DATA
Sabato 23 aprile 2022 || Arena di Verona – NUOVA DATA

Biglietti disponibili a partire dalle ore 11.00 di giovedì 18 marzo 2021 su vivoconcerti.com e dalle ore 11.00 di martedì 23 marzo 2021 in tutte le rivendite autorizzate.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome