Ludwig Van Beethoven: 5 cose da sapere sulla sua musica

0
Ludwig Van Beethoven
@Marco Caselli Nirmal

In occasione dell’anniversario della morte di Beethoven, il prossimo 26 marzo debutterà su Nexo+ Ludwig Van Beethoven – 5 cose da sapere sulla sua musica: Alessandro Baricco al Teatro Comunale di Ferrara, la lezione-spettacolo di e con Alessandro Baricco realizzata per celebrare Ludwig Van Beethoven (16 dicembre 1770 – 26 marzo 1827).

Lo spettacolo di 95 minuti è stato realizzato nel 2020, anno delle celebrazioni dei 250 anni dalla nascita del compositore. Sul palco del teatro settecentesco, tra i teatri di tradizione d’Italia chiusi per il lockdown, insieme a Baricco la pianista Gloria Campaner, particolarmente apprezzata per la sua versatilità, e i trenta giovanissimi musicisti dell’Orchestra Canova, tutti under 25, diretti dal coetaneo Enrico Saverio Pagano.

Un racconto appassionato, un viaggio inedito, curioso, divertente, gioioso, per scoprire cinque cose della musica del celebre compositore che non si ritrovano nelle biografie musicali o nelle enciclopedie digitali. Si entra in un teatro forzatamente senza pubblico, e si riscopre la gioia della musica dal vivo, «il grimaldello per aprire le porte dell’anima» come dice Baricco in scena.

Per l’occasione, su Nexo+ sarà inoltre disponibile un’ampia selezione di contenuti dedicati al compositore, come i concerti diretti da Barenboim, Karajan e Bernstein, Dancing Beethoven di Arantxa Aguirre (la messa in scena in forma di balletto della Nona Sinfonia di Beethoven, coreografata da Maurice Béjart), il concerto di Martha Argerich e Renaud Capuçon a interpretare, tra gli altri brani, anche la Sonata a Kreutzer, la sinfonia n. 8 e il concerto Beethoven Trios – Daniel & Michael Barenboim – Soltani.

Per chi fosse interessato ad approfondire ulteriormente la figura di Ludwig Van Beethoven, consigliamo inoltre la lettura del libro Beethoven. La straordinaria complessità di un genio, scritto da Rocco Di Campli e pubblicato da Diarkos (480 pagine, 20 €).

Dice l’autore: «Beethoven fu uno dei più grandi geni mai esistiti; forse, secondo l’opinione di molti, il più grande musicista di tutti i tempi. Il suo contributo fu inestimabile, la parabola artistica inseparabile dal suo percorso umano. Fu il primo musicista “indipendente” della storia. Compose per sé, non per i committenti, e per esprimere i palpiti segreti dell’anima. Ponendo se stesso al centro della propria opera, divenne una figura eroica, riversando nella musica i propri affanni personali e trasformandoli in un messaggio di pace e di speranza universale».

Ludwig Van Beethoven

Alcuni contenuti o funzionalità non sono disponibili senza il tuo consenso all’utilizzo dei cookie!

 

Per poter visualizzare questo contenuto fornito da Facebook Like social plugin abilita i cookie: Clicca qui per aprire le tue preferenze sui cookie.

Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome